Luoghi

#Praga – Il Ponte Carlo al tramonto e i suoi musicisti: poesia pura.

Postato il

21032555_10155036678112523_7056409224357580705_n_bis

È già passato un mese da quando ho visitato Praga, la capitale ceca da cui è partito il mio tour on the road di quest’estate, un tour che mi ha permesso di conoscere questa straordinaria città e quelle di Budapest e Vienna.

Praga ha avuto su di me un fascino speciale che ancora oggi non riesco a spiegare facilmente a chi mi chiede quale delle tre città io abbia preferito. Non posso dire che mi sia piaciuta più di Budapest, perché anche Budapest l’ho amata (è davvero stupenda oltre ogni aspettativa), ma con la città di Praga ho sentito una profonda sintonia a pelle. Mi ha colpita profondamente. La sua malinconia, il suo romanticismo, mi hanno stregata più di quanto abbia fatto in passato la città romantica per eccellenza, Parigi (senza togliere nulla alla straordinaria capitale francese che ho adorato).

21077772_10155036669807523_8573757032447910337_n_bis

Quello di Praga l’ho trovato un romanticismo più malinconico, più profondo, derivante probabilmente dalla storia travagliata di questa città e di questo popolo, che ha tanto lottato per l’indipendenza dopo gli anni di oppressione fascista prima e comunista dopo. È una città che da poco ha cominciato ad assaporare il significato più vero della parola libertà e si sente. Forse per questo mi hanno emozionato tanto i musicisti sul Ponte Carlo… mi è sembrato che quella musica sussurrasse la parola libertà, non con prepotenza, sottovoce, con quella timidezza di chi quasi stenta a crederci ancora…

21034343_10155036620967523_599979362331881473_n

Le sue sinagoghe, il cimitero ebraico, Nove Mesto e la famosa casa danzante, gli stupendi palazzi colorati, il castello con la bellissima Chiesa di Santo Stefano e mille altre cose rendono questa città un vero gioiellino, ma il Ponte Carlo… credo sia entrato nella mia top ten dei posti del cuore.

21032826_10155036598452523_5554843526451249618_n_bis

Vi parlerò in altri post di tutto ciò che ho visto e anche del perché ho voglia di tornare a Praga, vi racconterò cosa ho mangiato di delizioso (dandovi anche qualche consiglio), ma non avrei potuto cominciare a parlarne, senza prima provare a trascrivere le sensazioni che mi ha trasmesso. Mi sarebbe sembrato di farle un torto! Quindi per ora mi fermo qui, lasciandovi le mie impressioni a pelle.

Credo che ci siano città che si visitano e si ammirano, altre che si amano semplicemente o che ci divertono e poi ci sono quelle che si sentono“. Come mi è capitato in passato con Lisbona,  io Praga l’ho sentita. Non potrei spiegarlo altrimenti. Il Ponte Carlo al tramonto, con i musicisti e i violinisti, l’ho trovata vera e propria POESIA.

21105838_10155036628542523_1124998409799076012_n_bis

Provate a passeggiare sul ponte al calar del sole, fermatevi ad ascoltare un violista mentre osservate il Moldava che placido scorre sotto di voi illuminato dalle luci che annunciano il calar della sera e ditemi se questa non è poesia pura… io me ne sono innamorata perdutamente e in quei momenti avrei fermato il tempo, per vivere più a lungo quella sensazione di piacevole e romantica malinconia che mi ha stregata.

Cercherò di far seguire a questo dei post con qualche informazione più pratica sulla città.

Per ora vi lascio un consiglio: se potete, non perdete l’occasione di visitare la capitale ceca, ne vale davvero la pena.

21078297_10155036592417523_7719658877222997160_n_bis

#Ungheria – Il Parlamento di Budapest: stupendo di giorno e di notte! Info e curiosità.

Postato il Aggiornato il

20170804_152635.jpg
Parlamento di Budapest

Sono tornata da poco da un viaggetto che mi ha portato a scoprire tre nuove capitali europee e che mi hanno affascinato ben oltre ogni aspettativa. Dalla foto probabilmente intuirete che una di queste 3 città è la splendida capitale dell’Ungheria: Budapest.

Comincio col raccontarvi qualcosa sul suo Parlamento perché, dopo alcuni giorni che cerco di metabolizzare tutto ciò che ho visto e vissuto, non riesco a trovare da dove cominciare… come si fa a concentrare il racconto di tante bellezze e meraviglie in un solo post? Secondo me non gli si renderebbe abbastanza giustizia, quindi direi che di post ne scriverò vari, cercando di raccontarvi passo passo emozioni, curiosità e qualche utile informazione di questo viaggio in piena estate nell’Europa dell’Est.

Direi che partire da quello che è uno dei più bei palazzi tra quelli che rappresentano la capitale urgherese, possa essere una buona idea, quindi comincio col presentarvi le mie impressioni sul Parlamento di Budapest.

È davvero bello come me lo immaginavo?

Sì, la risposta è decisamente sì. È bellissimo di giorno, in cui si ha la possibilità di ammirarlo in tutti i suoi particolari, è stupendo di notte, quando viene illuminato al punto da sembrare tutto d’oro zecchino, ed è molto bello e interessante anche all’interno.

Ma andiamo per gradi!

Il Parlamento di giorno:

Visitarlo esternamente per noi è stato un po’ un trauma perché ci siamo capitati nella giornata più calda dell’anno e, dato che è davvero grande, girarlo tutto intorno per fotografarlo e guardarlo dalle varie angolazioni non è stata un’impresa semplice! Anche perché la nostra visita era prenotata per il primo pomeriggio, quindi c’era il sole che cadeva a picco (abbiamo sfiorato a Budapest i 44 gradi nella prima settimana di agosto. Vi lascio solo immaginare quanto fosse piacevole camminare sotto il sole con queste temperature!). In ogni caso, la sua bellezza ci ha ripagato di tutto il caldo sofferto per ammirarlo!

Il Parlamento di Budapest è praticamente il secondo parlamento più grande al mondo (ci han detto che è secondo solo a quello di Bucarest per dimensioni) e posso crederci perché è enorme! Io mi sono sentita una formichina quando me lo son trovato davanti!

20170804_152008.jpg

Come noterete dalla foto era davvero tutto soleggiato… trovare un filo d’ombra sembrava un’utopia (in compenso, in tardo pomeriggio, questa stessa zona era totalmente ombreggiata!). Per scattare questa foto a ora di pranzo mi sono rifugiata sotto l’unico angoletto d’ombra che sono riuscita a trovare!

L’entrata al Parlamento è laterale. Rispetto alla foto che vedete (che ritrae la parte posteriore del palazzo) l’entrata si trova sulla destra. Ci sono delle scale da scendere e ci si trova dentro. La visita costa circa 7 euro (ovviamente si paga in fiorini ungheresi).

Alle 14.15 abbiamo trovato la possibilità di visitarlo con la guida in italiano e a noi è sembrata una scelta ottima, perché siamo stati accompagnati nelle varie stanze da una ragazza che ce le ha spiegate passo passo. Non era di madrelingua italiana ma si comprendeva perfettamente la spiegazione (magari parlassi io ungherese come lei parlava italiano!). La visita conviene prenotarla da internet. Il sito ufficiale è questo: https://www.jegymester.hu/ (ovviamente è possibile scegliere la versione del sito in inglese).

Il Parlamento non è visitabile per intero e la visita dura circa 45 minuti. È possibile fare foto all’interno tranne nella Sala della Corona, che sarebbe poi quella che dall’esterno appare come un gran cupolone! Una visita all’interno secondo me vale la pena farla… è bellissimo. Ci è stato detto che con i mattoni utilizzati per costruire il Parlamento, si sarebbe potuta costruire una piccola città. Mi è sembrata un po’ un’esagerazione, ma effettivamente, considerando la grandezza del palazzo, forse ci potrebbe anche stare. Chissà!

Altra curiosità che ci è stata raccontata è che quando han deciso di costruire il Parlamento, hanno indetto una sorta di gara. Quello che vediamo ora è il vincitore del primo posto tra i tre “primi classificati”. Il secondo e il terzo sono stati costruiti ugualmente e si trovano nella stessa piazza… con funzioni diverse ovviamente!

Se vi trovate in quella piazza e vi girate, lasciandovi alle spalle il Palazzo del Parlamento di Budapest, vi ritroverete davanti gli altri due palazzi (il secondo e il terzo classificato!). Inutile dire che sono felice abbia vinto questo perché è decisamente molto più bello!

20170804_152227.jpg

Ci è stato spiegato anche che le bandiere che sventolano all’esterno del Parlamento sono quelle dell’Ungheria e quella che rappresenta gli Ungheresi che vivono in Transilvania (un omaggio a loro insomma).

Vi mostro qualche foto dell’interno, giusto per darvi un’idea di com’è. Ovviamente mancano quelle della sala della corona, perché, come accennavo, era proibito scattar foto lì.

20170804_145045 bis.jpg
Interno del Parlamento di Budapest
20170804_145047 bis.jpg
Interno del Parlamento di Budapest

Ci sono 3 o 4 orari per visitare il Parlamento con la guida in italiano, però ovviamente sono soggetti a disponibilità, quindi prima si prenota più scelta si ha sull’orario. Quando abbiamo prenotato noi era rimasta la disponibilità solo per ora di pranzo.

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.


Altro dettaglio utile: il biglietto va stampato. Non ci si può presentare con la prenotazione su dispositivo elettronico. Mi han detto che a volte son gentili e lo stampano direttamente lì, ma sul biglietto stesso, al momento della prenotazione, viene indicato che è necessario che sia in formato cartaceo, quindi io consiglio di farlo prima! Noi siamo andati a stamparlo in una copisteria nel centro di Budapest e non vi dico l’impresa per capire cosa dicesse quel pc impostato tutto in ungherese!

Il Parlamento di notte:

Per quanto riguarda la versione del Parlamento by night i modi migliori che ho sperimentato per apprezzarlo in tutta la sua bellezza sono 2:

  • Un tour notturno sul Danubio. Noi abbiamo utilizzato la compagnia legenda e ci siamo trovati benissimo, perché nel tour di circa 50 minuti erano compresi una bibita e delle cuffie per ascoltare la spiegazione in italiano di tutto ciò che era possibile vedere dalla barca durante il tour. Davvero una bellissima esperienza che consiglio! Questo è il sito web da cui è possibile prenotare: https://legenda.hu/it.
  • Un giro sul tram 2 che costeggia tutto il Danubio e gira proprio intorno al Parlamento: è possibile vederlo di notte illuminato da vicinissimo!

20664853_10154987077537523_5885405996247676685_n bis.jpg

#Portogallo: Visita Lisbona, leggi Pessoa, ascolta il Fado e scopri un mondo…

Postato il Aggiornato il

200790_10151019790062523_1636329004_n
Torre di Belém – Lisbona

“La vita è quello che decidiamo di farne.
I viaggi sono i viaggiatori.
Ciò che vediamo non è ciò che vediamo,
ma ciò che siamo”.
(F. Pessoa)

Quest’anno sto organizzando di trascorrere il mio compleanno in una capitale europea. Inevitabile quindi che i miei pensieri ritornino a un’altra capitale, a un altro compleanno. Era agosto del 2012 e scelsi di trascorrere il mio “giorno speciale” a Lisbona, la stupenda capitale del Portogallo (una delle tappe del famoso on the road fatto da nord a sud in bus).

Da tempo mi chiedo perché racconto di tanti viaggi ma non mi sono ancora soffermata a parlare di Lei, una città che mi è rimasta particolarmente nel cuore e che considero davvero speciale. Ho provato a darmi varie spiegazioni e – alla fine – sono giunta alla conclusione che sia proprio perché per me è speciale. Faccio fatica a raccontarla perché Lisbona non l’ho solo visitata, l’ho vissuta, sentita sulla pelle… come tutto il Portogallo del resto.

Ho sognato per anni un viaggio in Portogallo, da quando (a 19 anni) scelsi di studiare portoghese all’università, ma sono riuscita a farlo solo più di 10 anni dopo, per una ragione o un’altra. Quello per il Portogallo è stato un amore nato gradualmente, ma che piano piano si è insinuato sotto pelle, fino a radicarsi nel profondo.

La Spagna l’ho sempre amata, invece il Portogallo è stato un amore da adulta, che è maturato mano mano che la storia e la cultura di questo straordinario popolo di navigatori prendeva posto nel mio cuore.

Os Lusíadas di Camões, (il poema epico che narra le grandi gesta dei navigatori portoghesi), le poesie del mio amato Pessoa, la famosa saudade o la struggente musica del Fado tutte cose che non potevano non far breccia in un animo romantico e tormentato come il mio.

Un popolo tanto legato al mare, che è riuscito a inventare una parola “intraducibile” come Saudade, la famosa “presenza dell’assenza“, la profonda nostalgia di qualcosa che è assente ma presente nel ricordo. Come si fa a non amare una tale immagine poetica??  (Tra l’altro, da traduttrice, con una parola del genere ci vado a nozze!).

Un popolo coraggioso, che stretto dalla potenza della Spagna da un lato, ha saputo guardare oltre, verso l’oceano, sfruttando le proprie potenzialità per brillare di luce propria. Paese di esploratori, di viaggiatori, di coraggiosi avventurieri che si son presi le loro soddisfazioni con tenacia e determinazione. No, non avrei potuto non amarlo.

Ho visto a Lisbona tutto ciò che qualunque guida comune avrebbe segnalato, ma ho lasciato anche libero sfogo alle sensazioni, per provare a sentire sulla pelle un luogo tanto ricco di storia e fascino.

Ora però vi mostro un po’ di foto perché, se continuo di questo passo, mi lascio prender troppo la mano e non mi fermo più!!!

Nella stupenda capitale lusitana (dopo una lunghissima fila sotto il sole!) ho fatto il classico giro sul mitico tram 28, che si insinua in stradine strettissime in discesa e in salita e che sembra si diverta a sfidare la sorte perché, a una prima occhiata, mai si direbbe che in quei vicoli così stretti possa passarci qualcosa di un po’ più grosso di una macchina!

189560_10151019856707523_137831888_n.jpg
Tram 28 – Lisbona

Straordinario il paesaggio di Lisbona che si gode dall’alto, salendo verso l’Alfama e sul Castello di São Jorge.

309064_10151019867752523_1189551491_n
Panorama Lisbona dall’alto

Ma anche quello che si può godere dal Mirador de Santa Justa che mi ha mostrato un altro volto di Lisbona dall’alto.

402026_10151019811217523_1940249243_n.jpg
Elevador de Santa Justa – Lisbona

L’ho guardata da tante prospettive, di giorno e di notte, e più la osservavo, più me ne innamoravo…

383853_10151019812777523_1282251506_n.jpg
Rossio by night dall’alto – Lisbona

Ho visitato lo straordinario Monastero dos Jerónimos e assaggiato i famosissimi Pasteis de Belém (una delizia di cui ho fatto scorpacciate durante tutta la mia permanenza nella capitale lusitana!).

551179_10151019777647523_1753857823_n.jpg
Monastero dos Jerónimos – Lisbona

Inutile dire che il monastero è stupendo fuori e dentro…

293225_10151019774227523_1253783718_n.jpg
Monastero dos Jerónimos – Lisboa
578876_10151019776477523_340271830_n.jpg
Esterno Monastero dos Jerónimos – Lisboa

Sono salita sulla Torre di Belém (ricordo che allora era gratuita di domenica).

200790_10151019790062523_1636329004_n.jpg
Torre di Belém – Lisbona

Una volta salita, da fanatica di foto, ho cominciato a scattarne da ogni prospettiva possibile! Trovo che la Torre di Belém abbia un qualcosa della Torre dell’Oro di Siviglia, ma tra le due torri ho preferito quella di Lisbona, mi ha emozionata di più.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

A poca distanza dalla Torre de Belém sempre sulle rive del fiume Tago (rio Tejo come lo chiamano lì) si trova il Monumento delle Scoperte. Mi sono sentita davvero minuscola davanti a quest’altro colosso!

394463_10151019807732523_671411390_n
Monumento delle Scoperte – Lisbona

Ho cenato in un ristorantino di pesce, in un’atmosfera estremamente allegra nel centro della città. Ho ascoltato un piccolo violinista di circa 10 anni suonare da vero artista e, attraversato l’Arco che collega la rua Augusta alla Praça do Comércio, mi son seduta sul molo, al lato opposto della piazza, ad ascoltare il rumore del mare di notte.

305059_10151019814957523_1867170041_n
Arco tra rua Augusta e Praça do Comércio

Mi sono emozionata ad ascoltare artisti di strada suonare il fado tra le mura del castello di São Jorge…

269612_10151019886232523_1848284702_n.jpg
Fado al Castello di São Jorge

Ho girato la città in cerca della famosa statua di Pessoa fuori al bar la Brasileira, per il solo gusto di fargli una foto. Lo so, è solo una statua… ma Pessoa è Pessoa, anche quando è solo una statua di pietra!

224388_10151019859112523_878197179_n
Statua di Pessoa – Lisbona

Ho ammirato São Jorge di notte…

403994_10151019812957523_1976382933_n.jpg
São Jorge by night – Lisbona

Mi son persa tra le strade della città, lasciandomi cullare dalla sua magia.

297032_10151019814322523_1237526814_n.jpg
Rua Augusta – Lisbona

Mi sono divertita a visitare l’Oceanario, che è enorme e paragonabile solo all’Acquario di Genova a mio parere.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.


Insomma, se non avete mai visitato Lisbona (e il Portogallo in genere), ve lo consiglio di cuore… troverete un mondo da scoprire. Il mio consiglio è viverla a pieno, ascoltandone la musica, inalandone i profumi, parlando con la gente, lasciandosi affascinare dai suoi straordinari azulejos. Ha un fascino tutto suo che non si può spiegare…

 

“Canto l’arme e i famosi cavalieri
Che sciolsero dal Tago armati legni,
E soldati magnanimi e nocchieri
Solcaro novi mar, fondaro regni,
E sott’astri d’incogniti emisferi,
Ciò che non era ardir d’umani ingegni,
Vinser nembi e procelle, e vider lieti
Correre l’aureo Gange in seno a Teti…”
(Intro Lusiadas – Camoes)

#Spagna – Segovia e i suoi 3 gioielli: l’Acquedotto romano, l’Alcazar e l’elegante Cattedrale

Postato il Aggiornato il

10399689_121403927522_2874216_n
Acquedotto romano di Segovia

Come è facile notare dalla data sulla foto dell’acquedotto, anche Segovia appartiene a ricordi di viaggi abbastanza lontani nel tempo. Torniamo indietro al 2008 per essere precisi.

Visitai questa città mentre ero in vacanza alcuni giorni a Madrid e mi impressionarono tre cose più di tutte: l’Acquedotto romano, la Cattedrale e il Castello. Mi fu possibile arrivarci facilmente perché Segovia è a circa un’ora dalla capitale spagnola, quindi perfettamente raggiungibile in una gita di un giorno, così come la stupenda città di Toledo (di cui prima o poi vi parlerò).

Oggi vi porto con me, in questo viaggio nei ricordi, a conoscere i 3 gioielli di Segovia.

1 – L’Acquedotto di Segovia raggiunge il suo punto più alto a piazza Azoguejo ed è conservato davvero benissimo. Ha trasportato acqua se ben ricordo fino a poco tempo fa ed è tra quelli di origine romana conservati meglio in tutta la penisola iberica. Viene chiamato anche Ponte del Diavolo perché, secondo una leggenda, fu il diavolo in persona a costruirlo in una sola notte, per guadagnarsi l’anima di una donna con cui aveva fatto un patto. Leggenda dice che non ci riuscì, perché l’ultima pietra fu posata dopo il canto del gallo, quindi l’anima della donna fu salva!

L’Acquedotto di Segovia è il simbolo della città, al punto da essere disegnato anche sullo stemma cittadino.

10401135_28524517522_9742_n
Questa sono io davanti all’Acquedotto di Segovia ben 9 anni fa!

2 – La seconda bellezza di Segovia (solo per una questione sequenziale e non per bellezza) è la sua Cattedrale. Ricordo che fu la prima cosa che ho potuto scorgere a distanza al mio arrivo in città! Subito mi impressionò per la sua forma e la sua eleganza. Sembra sia una delle ultime Cattedrali gotiche in Spagna e che, per la sua eleganza, sia anche stata denominata la Signora delle Cattedrali. A me è piaciuta tantissimo, ma vi lascio una foto, così giudicate voi stessi. Son foto un po’ vecchiotte, ma spero rendano ugualmente l’idea!

10399689_121411757522_1006098_n
La Cattedrale di Segovia

3 – L’Alcazar di Segovia è uno dei castelli più belli che abbia mai visto (se avete letto l’articolo sulla mia top ten dei Castelli da visitare in Europa lo saprete già!). Purtroppo ho potuto vederlo solo da fuori perché quando arrivai era chiuso (ero ancora un po’ una viaggiatrice inesperta allora e non avevo controllato gli orari di apertura!). È da allora che mi ripropongo di tornarci prima o poi, perché una meraviglia così fuori, vale una visita all’interno sicuramente! Qualcuno di voi c’è stato e sa dirmi dentro com’è?

In ogni caso, esternamente è, insieme al Castello di Neuschwanstein in Baviera (di cui vi parlo sempre in quell’articolo lì), il mio prototipo di castello dei sogni! Quello che immagino quando penso alle fiabe che leggevo da bambina. Sembra che effettivamente la Disney lo abbia utilizzato come modello in alcuni film, anche se non so dirvi quali sinceramente. Fatto sta che è uno spettacolo per gli occhi! Purtroppo non ho molte foto perché riuscii a farne pochine, ma vi mostro qualche particolare…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sinceramente per me Segovia fu una scoperta! Non pensavo che potesse nascondere così tanti tesori e, se dovessi consigliarla a qualcuno, lo farei a occhi chiusi. Il Castello, la Cattedrale e l’Acquedotto sono tre ottimi motivi per visitarla e, se ve ne dovesse servire uno in più, per gli amanti della carne, consiglio il maialino arrosto tipico della città (chiamato cochinillo), è una delizia!

Vi saluto regalandovi ancora qualche foto di questa graziosissima città!

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

#Francia – 5 ricordi legati a Lione. Notre-Dame non è solo a Parigi

Postato il Aggiornato il

73191_10151403440422523_2049225702_n
Basilica di Notre-Dame de Fourvière – Lione

Lione è una città che ho scoperto quasi per caso nel 2013 (in un week end on the road). Per questioni lavorative non potevamo allontanarci per più di 3 giorni, quindi, cartina alla mano, cominciai a pensare a una destinazione che non richiedesse un budget alto e che – soprattutto – fosse raggiungibile in auto dall’Italia senza troppa difficoltà.

La scelta ricadde su Lione perché è una città non troppo lontana dal confine tra Francia e Italia. Allora non conoscevo questa città che per qualche foto che avevo visto, ma col senno di poi, posso dire che fu una scelta ottima. Partimmo il sabato, facemmo una tappa breve ad Aosta per spezzare il viaggio, e poi ripartimmo per Lione il giorno successivo, trascorrendo così in Francia la domenica di Pasqua e metà del lunedì di Pasquetta, prima di ripartire per l’Italia.

Sono passati un po’ di anni, quindi i ricordi iniziano a sbiadire un po’, ma alcune cose di questa graziosa città francese mi son rimaste impresse. Quindi, questa volta, mi limiterò ad un elenco istintivo, basato su flash di ricordi accompagnati da fotografie.

Cominciamo subito!

1 – La prima cosa che ho scoperto visitando Lione è che la Basilica di Notre-Dame non è solo a Parigi! A Lione c’è la bellissima Basilica di Notre-Dame de Fourvière che vale decisamente una visita.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tra l’altro me la ricordo molto bella anche dentro (purtroppo le foto degli interni non rendono mai troppo con la mia pessima macchina fotografica, ma posso assicurare che merita). Non posso paragonarla internamente a quella di Parigi perché ho visitato la capitale francese in pieno agosto e un po’ di sfuggita (vi racconterò) quindi Notre Dame parigina l’ho vista solo da fuori. In ogni caso, quella di Lione all’interno mi è piaciuta molto.

539057_10151403444232523_442661022_n.jpg
Interno Basilica di Notre-Dame de Fourvière – Lione

2 – Un fiume regala sempre un po’ di magia a una città e siccome Lione si trova proprio presso la confluenza di 2 fiumi, il Rodano e la Saona, non può che essere doppiamente magica. Mi sono divertita a scattare foto, soprattutto di mattina con la nebbia, quando assumeva un fascino tutto suo…

Questo slideshow richiede JavaScript.

3 – Al calar della sera il centro storico di Lione si accende di vita poco a poco. Ricordo ristorantini e negozietti molto graziosi tra i quali era un piacere passeggiare. E – inutile dirlo – si mangia davvero bene!

Questo slideshow richiede JavaScript.

4 – Un’altra cosa che mi è rimasta impressa di Lione è che ha un parco cittadino molto bello, il Parco della Tête d’Or. Sembra sia il parco urbano più grande della Francia. All’interno c’è perfino uno zoo totalmente gratuito e un laghetto con delle barche (giusto per darvi l’idea delle sue dimensioni). Noi ci siamo divertiti a girarlo prima un po’ a piedi e poi abbiamo affittato un pedalò… è stato davvero divertente! (Abbiamo trascorso al parco la mattina di Pasquetta, prima di ripartire per l’Italia).

Questo slideshow richiede JavaScript.

5 – Lascio per ultimo un dettaglio simpatico e curioso: un po’ ovunque nei negozietti del centro di Lione c’era un personaggio chiamato Guignol, un burattino per essere precisi. Siccome lo vedevo un po’ ovunque, non sono riuscita a trattenere la curiosità di sapere di cosa si trattasse (che novità!) quindi mi sono informata. In pratica Guignol è un burattino creato proprio a Lione negli ultimi anni del 18° secolo su imitazione dei burattini italiani. La sua figura però è diventata così popolare in tutta la Francia che con la parola Guignol sembra si intenda ora anche il burattino in generale.

488211_10151403468637523_1540845006_n.jpg
Guignol in una vetrina di un negozio di Lione – Francia

#Spagna – 2 giorni a Saragozza da sola, alla scoperta dell’Aljafería e della stupenda Basilica del Pilar.

Postato il Aggiornato il

aljaferia zaragoza - copia

Queste giornate caldissime di inizio estate mi fanno ripensare a due giorni trascorsi da sola a Saragozza 2 anni fa (nella primavera del 2015), in cui il clima era decisamente afoso.

Ero appena tornata da un weekend a Valencia con un’amica ed avevo ancora voglia di gironzolare, quindi – tornata a casa – mi misi a studiare la cartina per capire quale altro posto fosse raggiungibile facilmente con un bus da Barcellona. Lo sguardo cadde immediatamente su Saragozza (Zaragoza come la chiamano qui in Spagna). Provai a guardare i prezzi del biglietto e trovai un’ottima occasione in settimana, grazie alla quale con 10 euro compravo il biglietto di andata e ritorno Barcelona – Zaragoza. Di solito costa di più ma spesso queste compagnie vendono un tot di biglietti in offerta quindi se si ha la fortuna di beccare il giorno in cui ce n’è ancora qualcuno disponibile si viaggia davvero con poco (io presi un bus dell’ALSA).

Ci pensai un po’ (neanche troppo in verità!) e comprai il biglietto nei giorni della settimana in cui ero libera a lavoro. Mal che vada ci avrei perso 10 euro! Un compromesso accettabile per cogliere l’occasione al volo.

In realtà avevo titubato qualche istante perché in settimana ci sarei dovuta andar da sola, ma – in fondo – sono partita per vivere da sola due volte, la prima in Italia e la seconda per l’estero quindi, perché farmi il problema nel prenotare un week end da sola?

Questi furono i pensieri che mi affollarono la mente in quei pochi minuti. Ovviamente comprai ugualmente il biglietto, prenotai una stanzetta in un hotel che potevo disdire fino all’ultimo momento e ricordai a me stessa che avevo tempo per pensarci fino alla fine… intanto le occasioni vanno colte al volo! Ovviamente poi ci andai, perché io sono così… mi faccio prendere da stupide paure a volte, ma poi – se una cosa ho voglia di farla – le paure le combatto sempre. Per fortuna direi! Perché da queste esperienze ne viene sempre qualcosa di bello, anche quando si viaggia da soli… anzi, a volte viaggiare da soli rende il viaggio “diverso”. Non più bello o più brutto del farlo in compagnia ma, come ho detto, diverso! Si viaggia in compagnia di sé stessi e l’esperienza non può che essere differente e interessante. 🙂

Ma torniamo a Saragozza! Comprai la mia bella guida e, il giorno stabilito, andai a prendere il bus che mi avrebbe portato lì in circa 3 ore (più o meno lo stesso tempo che ci avevo messo per arrivare da Barcelona a Valencia). Approfittai del viaggio per studiarmi un po’ la guida e organizzare i miei due giorni di visita alla città.

 

Arrivata alla stazione dei treni di Saragozza (il bus arrivò lì), mi avviai verso il centro a piedi, in modo da passare davanti al castello dell’Aljafería (avevo notato che era di strada). Effettivamente in dieci minuti circa a piedi arrivai al castello.

aljaferia zaragoza - copia
Palazzo dell’Aljafería di Saragozza

Zaino in spalla, ho iniziato a girargli intorno cominciando a scattare delle foto, con l’intenzione poi di avvicinarmi e capire se era possibile entrare e in che orari era visitabile (per valutare se passare prima in albergo o visitarlo subito). Sinceramente non ricordo il motivo, ma quel giorno non era possibile entrare, quindi mi organizzai per tornarci il giorno successivo, decidendo di dedicare la prima giornata a visitare il centro.

Mi rimisi in marcia intenzionata ad andare a posare lo zaino in albergo per girare più leggera. Nell’avvicinarmi al centro passai davanti all’Arena de Toros de Zaragoza. Non entrai ma scattai qualche foto, perché esternamente la trovai molto bella.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Avevo scelto un alberghetto non lontano dalla piazza della Basilca del Pilar e ci misi non più di una mezz’oretta a piedi per arrivarci. Posai lo zaino in hotel e riscesi quasi subito, desiderosa di scoprire la famosa Basilica.

Mi concessi giusto un gelato per pranzo strada facendo (era una giornata afosissima!) e poi mi diressi a destinazione. La piazza era quasi deserta a quell’ora col sole a picco (era più o meno ora di pranzo) e ne approfittai per scattare delle foto senza folla intorno.

11037880_10152952175812523_5844732112818645_n - copia
Basilica del Pilar di Saragozza

La Basilica del Pilar occupa una buona parte della grande piazza ed è davvero enorme, più di quanto le foto possano mostrare. Feci prima un giro della piazza e dopo entrai a visitare la Basilica, che merita decisamente.

11244925_10152952175892523_1298269801685500039_n - copia
Fontana Piazza della Basilica del Pilar a Saragozza

La piazza è molto originale, perché dal lato opposto a quello dove si trova la Basilica del Pilar, c’è una fontana che ha la forma di una lastra di ghiaccio (mi ha fatto pensare al film di animazione dell’Era glaciale, al punto che la mia fervida immaginazione non si sarebbe meravigliata di veder spuntare il simpatico scoiattolo che rincorreva la ghianda!). 😀

11014921_10152952176202523_3607532983428251753_n - copia
Fontana Piazza del Pilar – Saragozza

Non vi dico, con il caldo che faceva, che voglia avevo di tuffarmi dentro a quella fontana!

La prospettiva della piazza, voltandomi verso la Basilica e lasciandomi alle spalle la fontana, faceva un certo effetto. Anche perché la riproduzione dell’idea di ghiaccio spaccato continuava anche sul pavimento. Ammetto che l’immagine mi è piaciuta moltissimo.

Da questa prospettiva, si ha un’idea un po’ più chiara di quanto fosse grande la piazza in lunghezza.

10501798_10152952176302523_8023995475932418042_n
Piazza della Basilica del Pilar di Saragozza

Quella che si vede sulla sinistra nella foto è ovviamente la Basilica del Pilar, quella che invece appare sullo sfondo davanti è la Cattedrale del Salvatore (chiamata anche la Seo). Alle spalle della fontana invece, è possibile vedere un pezzo di muraglia romana e, in fondo, il mercato coperto.

11246593_10152952177272523_4782228697829870232_n - copia
Muraglia Romana a Saragozza

Fondamentalmente il centro non è grandissimo ed è molto concentrato (a parte l’Aljafería che è un po’ dislocata).

Altra cosa degna di nota è la facciata laterale della Cattedrale del Salvatore. Se vi trovate in quella piazza, girate intorno alla Seo, altrimenti vi perdete la parete laterale… io l’ho trovata molto bella.

cattedrale del salvatore - copia
Facciata laterale della Cattedrale del Salvatore (Seo) – Saragozza

Tra l’altro, da dietro la Seo, si arriva ad un ponte dal quale è possibile fare delle belle foto della Basilica con il fiume Ebro davanti.

 

11039246_10152952183847523_4374168063237199636_n - copia
Basilica del Pilar e fiume Ebro – Saragozza

Il secondo giorno, lo dedicai alla visita dell’Aljafería che, insieme alla Basilica del Pilar, è stata la cosa più bella che ho visto a Saragozza. I porticati interni sono davvero bellissimi. Anche perché, due anni fa, non avevo ancora visitato l’Andalusia quindi era il mio primo contatto “ravvicinato” con la straordinaria arte di origine araba.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Terminata la visita all’Aljafería, continuai a girovagare un po’ per la città senza una meta precisa e poi mi avviai verso la stazione, dove mi attendeva il bus che mi avrebbe riportato in serata a Barcellona. Tornai a casa decisamente stanca ma soddisfatta, soprattutto per non essermi fatta fermare all’idea di girare da sola… avrei perso l’occasione di vedere una città davvero graziosa, per una paura senza vero fondamento. Indubbiamente è bellissimo viaggiare in compagnia, ma se non si può, ogni tanto un viaggetto da soli non fa affatto male.

 

#Svizzera: Berna, la capitale silenziosa, regno degli orsi e delle fontane.

Postato il Aggiornato il

559909_10151931242917523_1480166006_n
Berna fotografata dalla zona della Fossa degli Orsi

Una delle ragioni che ha reso Berna graziosissima ai miei occhi è stato vederla incorniciata dal fiume Aar. L’immagine era decisamente poetica

L’ho visitata durante uno dei miei On The Road dai ritmi un po’ folli, qualche inverno fa (nel 2014 per l’esattezza). Siamo partiti in auto dall’Italia un venerdì e tornati la domenica sera, dopo aver visitato oltre a Berna, anche Zurigo e Lucerna (ma di queste ultime vi racconterò in un altro momento magari). 🙂

Berna è stata una piacevole sorpresa. Anche perché si è rivelata una capitale un po’ diversa dalle altre che ho visitato. Quando ne visito una, di solito, immagino una città piena di caos (per quanto in alcune di esse sia un caos decisamente organizzato), o almeno una città un po’ frenetica in quanto centro nevralgico del Paese.

Berna, invece, mi ha dato la sensazione opposta, al punto che uno dei primi aggettivi che mi viene in mente per definirla è silenziosa (cosa che non assocerei mai a una capitale!). Il mio definirla silenziosa non è in senso negativo, anzi! È pìacevolmente silenziosa, ha un’atmosfera che mi è sembrata quasi surreale per essere la capitale della Svizzera. Paragonandola a Zurigo, per esempio, Berna mi è sembrata la sorellina tranquilla.

È graziosissimo passeggiare per il centro e vedere tanti filobus che ti passano accanto senza fare il minimo rumore (tanto che se non si sta attenti non li si sente nemmeno arrivare!). A terra, in pieno centro, le strade sono un affascinante intreccio di rotaie basse. I filobus si incrociano in un sincronismo perfetto che mi ha affascinata da morire!

Mi sono fermata più di una volta ad osservarli: sembrano gli ingranaggi perfetti di un orologio svizzero. 😀

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un’altra cosa particolarissima del centro storico di Berna sono i locali e i negozi del sottosuolo. In pratica, passeggiando per la via principale, attraversata dai porticati che portano alla famosa Torre dell’Orologio, a destra e a sinistra della strada, i negozi sono su due differenti livelli. Ci sono quelli ad altezza normale e quelli che sono ubicati in una sorta di scantinati. In pratica, ad ogni numero civico, c’è il negozio di sopra e quello di sotto, che non hanno nulla a che fare l’uno con l’altro (in realtà non so come funzionino i numeri civici ma spero di render l’idea!).

Quando sono chiusi, senza saperlo, si potrebbe supporre che siano cantine… invece quando aprono le ante, compaiono delle scale che portano all’entrata del negozio o del bar (a seconda dei casi). È come un mondo sotterraneo che esce allo scoperto all’improvviso! Non avevo mai visto una cosa così! Ce ne sono tanti lungo la strada.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un altro particolare che attira l’attenzione lungo la passeggiata verso la Zytglogge (la torre dell’orologio), sono le fontane rinascimentali (i filobus ci passano accanto perché sono al centro della strada spesso).

1003922_10151931231337523_2092396613_n
Filobus che passa accanto a una fontana nel centro storico di Berna

Sono tutte diverse perché cambia la figura allegorica protagonista di ciascuna di esse. La più famosa è quella che ritrae un orco che mangia bambini (si trova dopo la torre dell’orologio, andando verso destra, se la memoria mi assiste!). In ogni caso, sono tutte molto particolari.

1501768_10151931231132523_1670917451_n
Fontana dell’orco a Berna

La famosa Torre dell’Orologio è bassina ma totalmente in sintonia con il centro della città secondo me (non la immagino una torre troppo alta lì). Mi è piaciuto molto.

1601255_10151931227322523_710692291_n
Torre dell’orologio – Berna

Dimenticavo… Berna è chiamata la città degli orsi (se ne trovano riproduzioni un po’ ovunque in città), perché, secondo una leggenda, il fondatore della città uccise un orso vicino al fiume, proprio dove ancor oggi sorge la città di Berna.

Il nome Bern sembra derivi infatti dalla parola Bär, ovvero orso. L’orso è raffigurato perfino sullo stemma cittadino. All’inizio del centro storico, prima di addentrarvisi, vi è una “fossa” dove in teoria vive una famiglia di orsi. Io non li ho visti (probabilmente erano nascosti da qualche parte).

Sembra che in passato gli orsi venissero allevati come portafortuna durante le guerre. Per questa ragione fu costruito una sorta di alloggio per ospitarli, che col tempo è diventato la famosa fossa degli orsi, che si trova proprio accanto a uno dei ponti più antichi di Berna, il Nydeggbrücke.

1515023_10151931239432523_1282225357_n
Fossa degli orsi – Berna

Un appunto pratico. Ricordo che la macchina andava parcheggiata fuori dal centro storico ma il parcheggio aveva un limite di tempo. Noi a metà visita fummo costretti a rifarci tutto il centro per comprare un nuovo biglietto e continuare a girare… una cosa decisamente poco comoda! Non so se è ancora così, ma in quel caso consiglierei di trovare un modo per lasciare la macchina più lontana dal centro e prendere un mezzo di trasporto che vi porti nel centro storico (tanto funzionano benissimo da quel che ricordo!).

1544418_10151931239372523_1625731900_n
Berna dall’alto