Cosa vedere fuori Barcellona: Cripta di Gaudí e Colonia Güell

Questo sabato sono stata a visitare un piccolo gioiellino modernista che si trova vicino Barcelona: La Colonia Güell.

Ho voluto approfittare di uno degli ultimi fine settimana in cui le temperature permettono ancora di girare senza soffrire eccessivamente il caldo. Qui a Barcelona le spiagge sono già super affollate e la gente è al mare, nonostante siamo ancora a metà maggio.

Colonia Guell

Cos’è la Colonia Güell?

Colonia Güell è una sorta di paesino industriale che Eusebi Güell, da cui prende il nome, fece costruire per coloro che lavoravano nella sua fabbrica tessile e per le loro famiglie.

Non era l’unico nucleo abitativo costruito con questo scopo in quel periodo in Europa, ma, rispetto agli altri, è decisamente originale.

La sua particolarità è dovuta al fatto che Güell era un appassionato d’arte e che quindi, essendo amico di Gaudí, decise di commissionare a lui la costruzione della colonia perché divenisse un luogo non solo vivibile ma anche esteticamente bello per i suoi dipendenti.

Gaudí preferì concentrarsi principalmente sulla Cripta (che prende appunto il nome di Cripta Gaudí) e lasciò ad altri la costruzione del resto della colonia.

Visitare la Colonia è gratuito, perché essendo un paesino si gira gratis, mentre l’entrata nella Cripta si paga circa 7 euro.

Io consiglierei comunque l’audioguida per avere una spiegazione più precisa dei palazzi più famosi.

Noi abbiamo trovato online un’offerta e, con 15 euro, abbiamo comprato un biglietto che comprendeva andata e ritorno da Barcelona in treno, l’entrata alla Cripta e l’audioguida per la Colonia.

Come arrivare a Colonia Guell

Abbiamo preso un treno da Plaza de Espanya che in circa 20 minuti ci ha portato dritti a destinazione (la fermata si chiama proprio Colonia Guell, quindi è impossibile sbagliare).

Arrivati alla stazione bisogna attraversare la strada e seguire delle orme blu dipinte per terra che portano all’ufficio dove è possibile ritirare l’audioguida e cominciare la visita.

Loro stessi ti forniscono una mappa.

Ci hanno chiesto un documento e ci hanno dato un’oretta e mezza di tempo per restituire le audioguide.

Questo è il link: COLONIA GUELL. 

Colonia guell

La prima cosa che abbiamo visto è stata la Cripta, che sembra sia anche chiamata chiesa dalle colonne storte.

Effettivamente entrando ci si rende conto che la chiesa è sorretta da colonne che di dritto hanno ben poco!

Cripta Gaudí

Purtroppo le foto rendono poco la bellezza della cripta perché i riflessi di luce facevano un po’ a cazzotti con la mia macchina fotografica.

Vi assicuro però che l’interno della Cripta è molto molto bello nella sua estrema particolarità.

Cripta

Usciti dalla Cripta abbiamo continuato a visitare la colonia, perdendoci tra le sue costruzioni moderniste.

È piccolina ma alcuni edifici sono davvero degli di nota, come la Casa del Medico oppure quella del Maestro che vi allego qui di seguito.

A quest’ultimo era stata costruita un’abitazione a due passi dalla scuola, munita di un ponticello che gli permetteva di non scendere nemmeno di casa per andare a lavoro… un lusso non da poco direi.

Colonia Guell

Terminato il nostro giretto per i vari edifici della Colonia, abbiamo riconsegnato le audioguide e ci siam messi alla ricerca di un posticino dove pranzare.

Abbiamo trovato un bar ristorantino dove con 12 euro a testa abbiamo mangiato primo, secondo e dolce.
Niente male affatto, anche perché abbiamo mangiato bene e siamo usciti soddisfatti e più che sfamati.

Prima di lasciare Colonia Guell ho fotografato quest’altra casa che mi è piaciuta tantissimo.

Colonia Guell

Tirando le somme, è decisamente valsa la pena di visitare Colonia Guell.
La consiglio se ci si trova da queste parti e si sono già visitate le mete più conosciute della città.

È graziosa, non è lontana dal centro e decisamente ben collegata. Basta qualche ora di tempo.

Secondo me merita, soprattutto la Cripta.

Adoro quel genio di Gaudí, quindi non potrei non consigliarla!

Condividi

9 comentarios en «Cosa vedere fuori Barcellona: Cripta di Gaudí e Colonia Güell»

  1. Da ignorantella non avevo la minima idea dell’esistenza di questa meraviglia! Questo dimostra che tendiamo sempre a limitarci al “famoso” senza pensare minimamente che ci sono altre cose che meritano di avere la nostra attenzione. Grazie mille per avermi fatto conoscere una cosa nuova e meravigliosa 😘😘😘😘

Leave a Reply

Entrada relacionada