Esperienze di Vita

#Praga – Il Ponte Carlo al tramonto e i suoi musicisti: poesia pura.

Postato il

21032555_10155036678112523_7056409224357580705_n_bis

È già passato un mese da quando ho visitato Praga, la capitale ceca da cui è partito il mio tour on the road di quest’estate, un tour che mi ha permesso di conoscere questa straordinaria città e quelle di Budapest e Vienna.

Praga ha avuto su di me un fascino speciale che ancora oggi non riesco a spiegare facilmente a chi mi chiede quale delle tre città io abbia preferito. Non posso dire che mi sia piaciuta più di Budapest, perché anche Budapest l’ho amata (è davvero stupenda oltre ogni aspettativa), ma con la città di Praga ho sentito una profonda sintonia a pelle. Mi ha colpita profondamente. La sua malinconia, il suo romanticismo, mi hanno stregata più di quanto abbia fatto in passato la città romantica per eccellenza, Parigi (senza togliere nulla alla straordinaria capitale francese che ho adorato).

21077772_10155036669807523_8573757032447910337_n_bis

Quello di Praga l’ho trovato un romanticismo più malinconico, più profondo, derivante probabilmente dalla storia travagliata di questa città e di questo popolo, che ha tanto lottato per l’indipendenza dopo gli anni di oppressione fascista prima e comunista dopo. È una città che da poco ha cominciato ad assaporare il significato più vero della parola libertà e si sente. Forse per questo mi hanno emozionato tanto i musicisti sul Ponte Carlo… mi è sembrato che quella musica sussurrasse la parola libertà, non con prepotenza, sottovoce, con quella timidezza di chi quasi stenta a crederci ancora…

21034343_10155036620967523_599979362331881473_n

Le sue sinagoghe, il cimitero ebraico, Nove Mesto e la famosa casa danzante, gli stupendi palazzi colorati, il castello con la bellissima Chiesa di Santo Stefano e mille altre cose rendono questa città un vero gioiellino, ma il Ponte Carlo… credo sia entrato nella mia top ten dei posti del cuore.

21032826_10155036598452523_5554843526451249618_n_bis

Vi parlerò in altri post di tutto ciò che ho visto e anche del perché ho voglia di tornare a Praga, vi racconterò cosa ho mangiato di delizioso (dandovi anche qualche consiglio), ma non avrei potuto cominciare a parlarne, senza prima provare a trascrivere le sensazioni che mi ha trasmesso. Mi sarebbe sembrato di farle un torto! Quindi per ora mi fermo qui, lasciandovi le mie impressioni a pelle.

Credo che ci siano città che si visitano e si ammirano, altre che si amano semplicemente o che ci divertono e poi ci sono quelle che si sentono“. Come mi è capitato in passato con Lisbona,  io Praga l’ho sentita. Non potrei spiegarlo altrimenti. Il Ponte Carlo al tramonto, con i musicisti e i violinisti, l’ho trovata vera e propria POESIA.

21105838_10155036628542523_1124998409799076012_n_bis

Provate a passeggiare sul ponte al calar del sole, fermatevi ad ascoltare un violista mentre osservate il Moldava che placido scorre sotto di voi illuminato dalle luci che annunciano il calar della sera e ditemi se questa non è poesia pura… io me ne sono innamorata perdutamente e in quei momenti avrei fermato il tempo, per vivere più a lungo quella sensazione di piacevole e romantica malinconia che mi ha stregata.

Cercherò di far seguire a questo dei post con qualche informazione più pratica sulla città.

Per ora vi lascio un consiglio: se potete, non perdete l’occasione di visitare la capitale ceca, ne vale davvero la pena.

21078297_10155036592417523_7719658877222997160_n_bis

#Ungheria – Il Parlamento di Budapest: stupendo di giorno e di notte! Info e curiosità.

Postato il Aggiornato il

20170804_152635.jpg
Parlamento di Budapest

Sono tornata da poco da un viaggetto che mi ha portato a scoprire tre nuove capitali europee e che mi hanno affascinato ben oltre ogni aspettativa. Dalla foto probabilmente intuirete che una di queste 3 città è la splendida capitale dell’Ungheria: Budapest.

Comincio col raccontarvi qualcosa sul suo Parlamento perché, dopo alcuni giorni che cerco di metabolizzare tutto ciò che ho visto e vissuto, non riesco a trovare da dove cominciare… come si fa a concentrare il racconto di tante bellezze e meraviglie in un solo post? Secondo me non gli si renderebbe abbastanza giustizia, quindi direi che di post ne scriverò vari, cercando di raccontarvi passo passo emozioni, curiosità e qualche utile informazione di questo viaggio in piena estate nell’Europa dell’Est.

Direi che partire da quello che è uno dei più bei palazzi tra quelli che rappresentano la capitale urgherese, possa essere una buona idea, quindi comincio col presentarvi le mie impressioni sul Parlamento di Budapest.

È davvero bello come me lo immaginavo?

Sì, la risposta è decisamente sì. È bellissimo di giorno, in cui si ha la possibilità di ammirarlo in tutti i suoi particolari, è stupendo di notte, quando viene illuminato al punto da sembrare tutto d’oro zecchino, ed è molto bello e interessante anche all’interno.

Ma andiamo per gradi!

Il Parlamento di giorno:

Visitarlo esternamente per noi è stato un po’ un trauma perché ci siamo capitati nella giornata più calda dell’anno e, dato che è davvero grande, girarlo tutto intorno per fotografarlo e guardarlo dalle varie angolazioni non è stata un’impresa semplice! Anche perché la nostra visita era prenotata per il primo pomeriggio, quindi c’era il sole che cadeva a picco (abbiamo sfiorato a Budapest i 44 gradi nella prima settimana di agosto. Vi lascio solo immaginare quanto fosse piacevole camminare sotto il sole con queste temperature!). In ogni caso, la sua bellezza ci ha ripagato di tutto il caldo sofferto per ammirarlo!

Il Parlamento di Budapest è praticamente il secondo parlamento più grande al mondo (ci han detto che è secondo solo a quello di Bucarest per dimensioni) e posso crederci perché è enorme! Io mi sono sentita una formichina quando me lo son trovato davanti!

20170804_152008.jpg

Come noterete dalla foto era davvero tutto soleggiato… trovare un filo d’ombra sembrava un’utopia (in compenso, in tardo pomeriggio, questa stessa zona era totalmente ombreggiata!). Per scattare questa foto a ora di pranzo mi sono rifugiata sotto l’unico angoletto d’ombra che sono riuscita a trovare!

L’entrata al Parlamento è laterale. Rispetto alla foto che vedete (che ritrae la parte posteriore del palazzo) l’entrata si trova sulla destra. Ci sono delle scale da scendere e ci si trova dentro. La visita costa circa 7 euro (ovviamente si paga in fiorini ungheresi).

Alle 14.15 abbiamo trovato la possibilità di visitarlo con la guida in italiano e a noi è sembrata una scelta ottima, perché siamo stati accompagnati nelle varie stanze da una ragazza che ce le ha spiegate passo passo. Non era di madrelingua italiana ma si comprendeva perfettamente la spiegazione (magari parlassi io ungherese come lei parlava italiano!). La visita conviene prenotarla da internet. Il sito ufficiale è questo: https://www.jegymester.hu/ (ovviamente è possibile scegliere la versione del sito in inglese).

Il Parlamento non è visitabile per intero e la visita dura circa 45 minuti. È possibile fare foto all’interno tranne nella Sala della Corona, che sarebbe poi quella che dall’esterno appare come un gran cupolone! Una visita all’interno secondo me vale la pena farla… è bellissimo. Ci è stato detto che con i mattoni utilizzati per costruire il Parlamento, si sarebbe potuta costruire una piccola città. Mi è sembrata un po’ un’esagerazione, ma effettivamente, considerando la grandezza del palazzo, forse ci potrebbe anche stare. Chissà!

Altra curiosità che ci è stata raccontata è che quando han deciso di costruire il Parlamento, hanno indetto una sorta di gara. Quello che vediamo ora è il vincitore del primo posto tra i tre “primi classificati”. Il secondo e il terzo sono stati costruiti ugualmente e si trovano nella stessa piazza… con funzioni diverse ovviamente!

Se vi trovate in quella piazza e vi girate, lasciandovi alle spalle il Palazzo del Parlamento di Budapest, vi ritroverete davanti gli altri due palazzi (il secondo e il terzo classificato!). Inutile dire che sono felice abbia vinto questo perché è decisamente molto più bello!

20170804_152227.jpg

Ci è stato spiegato anche che le bandiere che sventolano all’esterno del Parlamento sono quelle dell’Ungheria e quella che rappresenta gli Ungheresi che vivono in Transilvania (un omaggio a loro insomma).

Vi mostro qualche foto dell’interno, giusto per darvi un’idea di com’è. Ovviamente mancano quelle della sala della corona, perché, come accennavo, era proibito scattar foto lì.

20170804_145045 bis.jpg
Interno del Parlamento di Budapest
20170804_145047 bis.jpg
Interno del Parlamento di Budapest

Ci sono 3 o 4 orari per visitare il Parlamento con la guida in italiano, però ovviamente sono soggetti a disponibilità, quindi prima si prenota più scelta si ha sull’orario. Quando abbiamo prenotato noi era rimasta la disponibilità solo per ora di pranzo.

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.


Altro dettaglio utile: il biglietto va stampato. Non ci si può presentare con la prenotazione su dispositivo elettronico. Mi han detto che a volte son gentili e lo stampano direttamente lì, ma sul biglietto stesso, al momento della prenotazione, viene indicato che è necessario che sia in formato cartaceo, quindi io consiglio di farlo prima! Noi siamo andati a stamparlo in una copisteria nel centro di Budapest e non vi dico l’impresa per capire cosa dicesse quel pc impostato tutto in ungherese!

Il Parlamento di notte:

Per quanto riguarda la versione del Parlamento by night i modi migliori che ho sperimentato per apprezzarlo in tutta la sua bellezza sono 2:

  • Un tour notturno sul Danubio. Noi abbiamo utilizzato la compagnia legenda e ci siamo trovati benissimo, perché nel tour di circa 50 minuti erano compresi una bibita e delle cuffie per ascoltare la spiegazione in italiano di tutto ciò che era possibile vedere dalla barca durante il tour. Davvero una bellissima esperienza che consiglio! Questo è il sito web da cui è possibile prenotare: https://legenda.hu/it.
  • Un giro sul tram 2 che costeggia tutto il Danubio e gira proprio intorno al Parlamento: è possibile vederlo di notte illuminato da vicinissimo!

20664853_10154987077537523_5885405996247676685_n bis.jpg

#Portogallo: Visita Lisbona, leggi Pessoa, ascolta il Fado e scopri un mondo…

Postato il Aggiornato il

200790_10151019790062523_1636329004_n
Torre di Belém – Lisbona

“La vita è quello che decidiamo di farne.
I viaggi sono i viaggiatori.
Ciò che vediamo non è ciò che vediamo,
ma ciò che siamo”.
(F. Pessoa)

Quest’anno sto organizzando di trascorrere il mio compleanno in una capitale europea. Inevitabile quindi che i miei pensieri ritornino a un’altra capitale, a un altro compleanno. Era agosto del 2012 e scelsi di trascorrere il mio “giorno speciale” a Lisbona, la stupenda capitale del Portogallo (una delle tappe del famoso on the road fatto da nord a sud in bus).

Da tempo mi chiedo perché racconto di tanti viaggi ma non mi sono ancora soffermata a parlare di Lei, una città che mi è rimasta particolarmente nel cuore e che considero davvero speciale. Ho provato a darmi varie spiegazioni e – alla fine – sono giunta alla conclusione che sia proprio perché per me è speciale. Faccio fatica a raccontarla perché Lisbona non l’ho solo visitata, l’ho vissuta, sentita sulla pelle… come tutto il Portogallo del resto.

Ho sognato per anni un viaggio in Portogallo, da quando (a 19 anni) scelsi di studiare portoghese all’università, ma sono riuscita a farlo solo più di 10 anni dopo, per una ragione o un’altra. Quello per il Portogallo è stato un amore nato gradualmente, ma che piano piano si è insinuato sotto pelle, fino a radicarsi nel profondo.

La Spagna l’ho sempre amata, invece il Portogallo è stato un amore da adulta, che è maturato mano mano che la storia e la cultura di questo straordinario popolo di navigatori prendeva posto nel mio cuore.

Os Lusíadas di Camões, (il poema epico che narra le grandi gesta dei navigatori portoghesi), le poesie del mio amato Pessoa, la famosa saudade o la struggente musica del Fado tutte cose che non potevano non far breccia in un animo romantico e tormentato come il mio.

Un popolo tanto legato al mare, che è riuscito a inventare una parola “intraducibile” come Saudade, la famosa “presenza dell’assenza“, la profonda nostalgia di qualcosa che è assente ma presente nel ricordo. Come si fa a non amare una tale immagine poetica??  (Tra l’altro, da traduttrice, con una parola del genere ci vado a nozze!).

Un popolo coraggioso, che stretto dalla potenza della Spagna da un lato, ha saputo guardare oltre, verso l’oceano, sfruttando le proprie potenzialità per brillare di luce propria. Paese di esploratori, di viaggiatori, di coraggiosi avventurieri che si son presi le loro soddisfazioni con tenacia e determinazione. No, non avrei potuto non amarlo.

Ho visto a Lisbona tutto ciò che qualunque guida comune avrebbe segnalato, ma ho lasciato anche libero sfogo alle sensazioni, per provare a sentire sulla pelle un luogo tanto ricco di storia e fascino.

Ora però vi mostro un po’ di foto perché, se continuo di questo passo, mi lascio prender troppo la mano e non mi fermo più!!!

Nella stupenda capitale lusitana (dopo una lunghissima fila sotto il sole!) ho fatto il classico giro sul mitico tram 28, che si insinua in stradine strettissime in discesa e in salita e che sembra si diverta a sfidare la sorte perché, a una prima occhiata, mai si direbbe che in quei vicoli così stretti possa passarci qualcosa di un po’ più grosso di una macchina!

189560_10151019856707523_137831888_n.jpg
Tram 28 – Lisbona

Straordinario il paesaggio di Lisbona che si gode dall’alto, salendo verso l’Alfama e sul Castello di São Jorge.

309064_10151019867752523_1189551491_n
Panorama Lisbona dall’alto

Ma anche quello che si può godere dal Mirador de Santa Justa che mi ha mostrato un altro volto di Lisbona dall’alto.

402026_10151019811217523_1940249243_n.jpg
Elevador de Santa Justa – Lisbona

L’ho guardata da tante prospettive, di giorno e di notte, e più la osservavo, più me ne innamoravo…

383853_10151019812777523_1282251506_n.jpg
Rossio by night dall’alto – Lisbona

Ho visitato lo straordinario Monastero dos Jerónimos e assaggiato i famosissimi Pasteis de Belém (una delizia di cui ho fatto scorpacciate durante tutta la mia permanenza nella capitale lusitana!).

551179_10151019777647523_1753857823_n.jpg
Monastero dos Jerónimos – Lisbona

Inutile dire che il monastero è stupendo fuori e dentro…

293225_10151019774227523_1253783718_n.jpg
Monastero dos Jerónimos – Lisboa
578876_10151019776477523_340271830_n.jpg
Esterno Monastero dos Jerónimos – Lisboa

Sono salita sulla Torre di Belém (ricordo che allora era gratuita di domenica).

200790_10151019790062523_1636329004_n.jpg
Torre di Belém – Lisbona

Una volta salita, da fanatica di foto, ho cominciato a scattarne da ogni prospettiva possibile! Trovo che la Torre di Belém abbia un qualcosa della Torre dell’Oro di Siviglia, ma tra le due torri ho preferito quella di Lisbona, mi ha emozionata di più.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

A poca distanza dalla Torre de Belém sempre sulle rive del fiume Tago (rio Tejo come lo chiamano lì) si trova il Monumento delle Scoperte. Mi sono sentita davvero minuscola davanti a quest’altro colosso!

394463_10151019807732523_671411390_n
Monumento delle Scoperte – Lisbona

Ho cenato in un ristorantino di pesce, in un’atmosfera estremamente allegra nel centro della città. Ho ascoltato un piccolo violinista di circa 10 anni suonare da vero artista e, attraversato l’Arco che collega la rua Augusta alla Praça do Comércio, mi son seduta sul molo, al lato opposto della piazza, ad ascoltare il rumore del mare di notte.

305059_10151019814957523_1867170041_n
Arco tra rua Augusta e Praça do Comércio

Mi sono emozionata ad ascoltare artisti di strada suonare il fado tra le mura del castello di São Jorge…

269612_10151019886232523_1848284702_n.jpg
Fado al Castello di São Jorge

Ho girato la città in cerca della famosa statua di Pessoa fuori al bar la Brasileira, per il solo gusto di fargli una foto. Lo so, è solo una statua… ma Pessoa è Pessoa, anche quando è solo una statua di pietra!

224388_10151019859112523_878197179_n
Statua di Pessoa – Lisbona

Ho ammirato São Jorge di notte…

403994_10151019812957523_1976382933_n.jpg
São Jorge by night – Lisbona

Mi son persa tra le strade della città, lasciandomi cullare dalla sua magia.

297032_10151019814322523_1237526814_n.jpg
Rua Augusta – Lisbona

Mi sono divertita a visitare l’Oceanario, che è enorme e paragonabile solo all’Acquario di Genova a mio parere.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.


Insomma, se non avete mai visitato Lisbona (e il Portogallo in genere), ve lo consiglio di cuore… troverete un mondo da scoprire. Il mio consiglio è viverla a pieno, ascoltandone la musica, inalandone i profumi, parlando con la gente, lasciandosi affascinare dai suoi straordinari azulejos. Ha un fascino tutto suo che non si può spiegare…

 

“Canto l’arme e i famosi cavalieri
Che sciolsero dal Tago armati legni,
E soldati magnanimi e nocchieri
Solcaro novi mar, fondaro regni,
E sott’astri d’incogniti emisferi,
Ciò che non era ardir d’umani ingegni,
Vinser nembi e procelle, e vider lieti
Correre l’aureo Gange in seno a Teti…”
(Intro Lusiadas – Camoes)

Costa Brava: weekend di relax a Tossa de Mar, un piccolo paradiso a poca distanza da Barcellona

Postato il Aggiornato il

20160806_133121
Fortificazione medievale di Tossa del Mar – Costa Brava

Quando ero ragazzina ho sempre sentito parlare di Lloret de Mar, come di una meta super ambita. Nessuno però mi aveva mai parlato di Tossa de Mar, una località deliziosa che si trova sempre in Costa Brava (poco dopo Lloret) e che personalmente ho adorato.

L’anno scorso, in occasione del mio compleanno in agosto, decidemmo di regalarci un fine settimana in Costa Brava. Scegliemmo un albergo che ci ispirava e prenotammo una notte lì. L’albergo era carinissimo, fornito di piscina interna ed esterna, di sauna e di ogni comfort. Normalmente viaggiamo low cost ma, per una volta, in occasione del mio compleanno, ci siamo concessi un fine settimana di relax totale. Volevo scoprire qualche località sulla Costa Brava e la scelta ricadde su Tossa del Mar.

Sono felice di aver scelto questo paesino perché ho scoperto un piccolo paradiso.

Ci arrivammo prendendo un autobus dalla stazione dei bus di Arc de Triomf a Barcellona. È lo stesso autobus che porta a Lloret de Mar: Tossa praticamente è la fermata successiva, a circa un quarto d’ora di distanza da Lloret. La maggior parte delle persone scendevano alla prima fermata (in gran parte italiani da quel che ricordo), noi proseguimmo per la fermata successiva.

Tossa a differenza di Lloret è una località un po’ più tranquilla, seppure sia pienissima di localini, negozietti e in agosto affollatissima di turisti ugualmente. Se volete vederla, vi consiglio un periodo precedente o successivo ad agosto, ve la godedreste sicuramente di più. Noi ci capitammo in piena estate ma mi piacerebbe tornarci in un altro periodo, per vederla un po’ meno soffocata di gente (magari giugno o settembre)!

Probabilmente se volessi concedermi un weekendino in totale relax sceglierei lo stesso albergo perché ci trovammo benissimo. L’hotel era questo qui. Vi avverto che era un po’ caro! Fu una follia/regalo compleanno.

Il mare a Tossa è davvero uno spettacolo, ma il mio desiderio era vedere Cala Giverola, la spiaggetta che avevo visto in foto prima mi partire, quindi mi informai all’ufficio del turismo. Mi spiegarono che la spiaggetta era raggiungibile con una barchetta che partiva dalla spiaggia principale e che il giro prevedeva anche delle brevi fermate in alcune grotte. Decidemmo di fare il biglietto (si compra ad un botteghino direttamente sulla spiaggia) e la barca ci portò a Cala Giverola, dove facemmo il bagno.

Uno spettacolo davvero!

20160806_163528
Barca che porta da Tossa a Cala Giverola  

Unico inconveniente fu la folla. La barca portava continuamente gente alla cala, ed essendo quest’ultima molto piccola, trovammo un angolino per stendere l’asciugamano per miracolo! L’esperienza di fare il bagno in quella spiaggetta dal mare stupendo fu comunque impagabile ma consiglio di cuore – se possibile – di non farla in agosto. È davvero un peccato non godersi quell’angolino di paradiso in un periodo un po’ meno affollato!

Dettaglio pratico: in acqua ci sono i sassi, quindi vi consiglio di munirvi di scarpette per non distruggervi i piedi a entrare in acqua! Anche se, fatti due passi, l’acqua diventa subito molto profonda quindi si tocca solo all’inizio. Il pezzetto di spiaggia che ho fotografato era l’unico angolino in cui era possibile entrare in acqua calpestando sabbia invece che pietruzze piccole.

20160806_162758
Cala Giverola – Raggiunta in barca dalla spiaggia di Tossa de Mar

Sulla spiaggetta c’è un baretto (qui lo chiamano chiringuito) e perfino un ristorante, se ci si vuol trattenere anche a mangiare. Noi abbiamo preferito mangiare qualcosina in centro a Tossa, quindi non saprei dirvi se si mangia bene, ma sappiate che – se avete bisogno di qualcosa da bere o da mangiare – è possibile trovarlo lì.

Altro particolare: nonostante fosse agosto, ricordo l’acqua molto fredda. Ci misi un po’ per decidermi a buttarmi, ma una volta dentro, non volevo più uscire!!! È davvero uno spettacolo lì.

20160806_165415

La sera facemmo un giro nel paesino, pieno di negozietti e ristorantini e poi salimmo sul castello, la bellissima fortificazione medievale che vedete nella prima foto. È piacevolissimo salirci a piedi ma ci sono anche dei piccoli bus che portano fin sopra volendo. In cima c’è un bar dove è possibile sedersi a bere qualcosa. Quando ci siamo stati noi, c’era anche uno spettacolo di flamenco (ma era possibile vederlo solo a pagamento dentro un cortile).

Fu un fine settimana molto grazioso e Tossa è entrata assolutamente nelle mie grazie: è un posto delizioso! Da allora lo consiglio sempre a tutti, è un piccolo paradiso se si desidera un week end di relax e mare limpidissimo in un luogo raggiungibile facilmente da Barcellona.

20160806_133946
Tossa del Mar – Mare limpidissimo

#Spagna – Segovia e i suoi 3 gioielli: l’Acquedotto romano, l’Alcazar e l’elegante Cattedrale

Postato il Aggiornato il

10399689_121403927522_2874216_n
Acquedotto romano di Segovia

Come è facile notare dalla data sulla foto dell’acquedotto, anche Segovia appartiene a ricordi di viaggi abbastanza lontani nel tempo. Torniamo indietro al 2008 per essere precisi.

Visitai questa città mentre ero in vacanza alcuni giorni a Madrid e mi impressionarono tre cose più di tutte: l’Acquedotto romano, la Cattedrale e il Castello. Mi fu possibile arrivarci facilmente perché Segovia è a circa un’ora dalla capitale spagnola, quindi perfettamente raggiungibile in una gita di un giorno, così come la stupenda città di Toledo (di cui prima o poi vi parlerò).

Oggi vi porto con me, in questo viaggio nei ricordi, a conoscere i 3 gioielli di Segovia.

1 – L’Acquedotto di Segovia raggiunge il suo punto più alto a piazza Azoguejo ed è conservato davvero benissimo. Ha trasportato acqua se ben ricordo fino a poco tempo fa ed è tra quelli di origine romana conservati meglio in tutta la penisola iberica. Viene chiamato anche Ponte del Diavolo perché, secondo una leggenda, fu il diavolo in persona a costruirlo in una sola notte, per guadagnarsi l’anima di una donna con cui aveva fatto un patto. Leggenda dice che non ci riuscì, perché l’ultima pietra fu posata dopo il canto del gallo, quindi l’anima della donna fu salva!

L’Acquedotto di Segovia è il simbolo della città, al punto da essere disegnato anche sullo stemma cittadino.

10401135_28524517522_9742_n
Questa sono io davanti all’Acquedotto di Segovia ben 9 anni fa!

2 – La seconda bellezza di Segovia (solo per una questione sequenziale e non per bellezza) è la sua Cattedrale. Ricordo che fu la prima cosa che ho potuto scorgere a distanza al mio arrivo in città! Subito mi impressionò per la sua forma e la sua eleganza. Sembra sia una delle ultime Cattedrali gotiche in Spagna e che, per la sua eleganza, sia anche stata denominata la Signora delle Cattedrali. A me è piaciuta tantissimo, ma vi lascio una foto, così giudicate voi stessi. Son foto un po’ vecchiotte, ma spero rendano ugualmente l’idea!

10399689_121411757522_1006098_n
La Cattedrale di Segovia

3 – L’Alcazar di Segovia è uno dei castelli più belli che abbia mai visto (se avete letto l’articolo sulla mia top ten dei Castelli da visitare in Europa lo saprete già!). Purtroppo ho potuto vederlo solo da fuori perché quando arrivai era chiuso (ero ancora un po’ una viaggiatrice inesperta allora e non avevo controllato gli orari di apertura!). È da allora che mi ripropongo di tornarci prima o poi, perché una meraviglia così fuori, vale una visita all’interno sicuramente! Qualcuno di voi c’è stato e sa dirmi dentro com’è?

In ogni caso, esternamente è, insieme al Castello di Neuschwanstein in Baviera (di cui vi parlo sempre in quell’articolo lì), il mio prototipo di castello dei sogni! Quello che immagino quando penso alle fiabe che leggevo da bambina. Sembra che effettivamente la Disney lo abbia utilizzato come modello in alcuni film, anche se non so dirvi quali sinceramente. Fatto sta che è uno spettacolo per gli occhi! Purtroppo non ho molte foto perché riuscii a farne pochine, ma vi mostro qualche particolare…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sinceramente per me Segovia fu una scoperta! Non pensavo che potesse nascondere così tanti tesori e, se dovessi consigliarla a qualcuno, lo farei a occhi chiusi. Il Castello, la Cattedrale e l’Acquedotto sono tre ottimi motivi per visitarla e, se ve ne dovesse servire uno in più, per gli amanti della carne, consiglio il maialino arrosto tipico della città (chiamato cochinillo), è una delizia!

Vi saluto regalandovi ancora qualche foto di questa graziosissima città!

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

#Francia – 5 ricordi legati a Lione. Notre-Dame non è solo a Parigi

Postato il Aggiornato il

73191_10151403440422523_2049225702_n
Basilica di Notre-Dame de Fourvière – Lione

Lione è una città che ho scoperto quasi per caso nel 2013 (in un week end on the road). Per questioni lavorative non potevamo allontanarci per più di 3 giorni, quindi, cartina alla mano, cominciai a pensare a una destinazione che non richiedesse un budget alto e che – soprattutto – fosse raggiungibile in auto dall’Italia senza troppa difficoltà.

La scelta ricadde su Lione perché è una città non troppo lontana dal confine tra Francia e Italia. Allora non conoscevo questa città che per qualche foto che avevo visto, ma col senno di poi, posso dire che fu una scelta ottima. Partimmo il sabato, facemmo una tappa breve ad Aosta per spezzare il viaggio, e poi ripartimmo per Lione il giorno successivo, trascorrendo così in Francia la domenica di Pasqua e metà del lunedì di Pasquetta, prima di ripartire per l’Italia.

Sono passati un po’ di anni, quindi i ricordi iniziano a sbiadire un po’, ma alcune cose di questa graziosa città francese mi son rimaste impresse. Quindi, questa volta, mi limiterò ad un elenco istintivo, basato su flash di ricordi accompagnati da fotografie.

Cominciamo subito!

1 – La prima cosa che ho scoperto visitando Lione è che la Basilica di Notre-Dame non è solo a Parigi! A Lione c’è la bellissima Basilica di Notre-Dame de Fourvière che vale decisamente una visita.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tra l’altro me la ricordo molto bella anche dentro (purtroppo le foto degli interni non rendono mai troppo con la mia pessima macchina fotografica, ma posso assicurare che merita). Non posso paragonarla internamente a quella di Parigi perché ho visitato la capitale francese in pieno agosto e un po’ di sfuggita (vi racconterò) quindi Notre Dame parigina l’ho vista solo da fuori. In ogni caso, quella di Lione all’interno mi è piaciuta molto.

539057_10151403444232523_442661022_n.jpg
Interno Basilica di Notre-Dame de Fourvière – Lione

2 – Un fiume regala sempre un po’ di magia a una città e siccome Lione si trova proprio presso la confluenza di 2 fiumi, il Rodano e la Saona, non può che essere doppiamente magica. Mi sono divertita a scattare foto, soprattutto di mattina con la nebbia, quando assumeva un fascino tutto suo…

Questo slideshow richiede JavaScript.

3 – Al calar della sera il centro storico di Lione si accende di vita poco a poco. Ricordo ristorantini e negozietti molto graziosi tra i quali era un piacere passeggiare. E – inutile dirlo – si mangia davvero bene!

Questo slideshow richiede JavaScript.

4 – Un’altra cosa che mi è rimasta impressa di Lione è che ha un parco cittadino molto bello, il Parco della Tête d’Or. Sembra sia il parco urbano più grande della Francia. All’interno c’è perfino uno zoo totalmente gratuito e un laghetto con delle barche (giusto per darvi l’idea delle sue dimensioni). Noi ci siamo divertiti a girarlo prima un po’ a piedi e poi abbiamo affittato un pedalò… è stato davvero divertente! (Abbiamo trascorso al parco la mattina di Pasquetta, prima di ripartire per l’Italia).

Questo slideshow richiede JavaScript.

5 – Lascio per ultimo un dettaglio simpatico e curioso: un po’ ovunque nei negozietti del centro di Lione c’era un personaggio chiamato Guignol, un burattino per essere precisi. Siccome lo vedevo un po’ ovunque, non sono riuscita a trattenere la curiosità di sapere di cosa si trattasse (che novità!) quindi mi sono informata. In pratica Guignol è un burattino creato proprio a Lione negli ultimi anni del 18° secolo su imitazione dei burattini italiani. La sua figura però è diventata così popolare in tutta la Francia che con la parola Guignol sembra si intenda ora anche il burattino in generale.

488211_10151403468637523_1540845006_n.jpg
Guignol in una vetrina di un negozio di Lione – Francia

Barcellona – 23 giugno: la notte di San Juan e la sua simbologia.

Postato il Aggiornato il

12734143_10153506544097523_5973690421358760963_n (1)
Barceloneta – Spiaggia di Barcellona

Qui in Catalunya (così come nel resto della Spagna) il 23 giugno sono molto sentiti i festeggiamenti per la Noche de San Juan (San Giovanni), chiamata anche Verbena de San Juan. Non posso quindi fare a meno di scrivere qualche riga in merito oggi.

Quella di San Juan è una festa che ha radici molto antiche, legate a dei riti pagani. In teoria i suoi festeggiamenti erano dedicati all’arrivo del solstizio d’estate nell’emisfero nord, nonostante – in realtà – la data del solstizio d’estate sia il 21 giugno.

Durante la notte di San Juan qui a Barcellona ci si riunisce soprattutto sulle spiagge, dove si accendono falò e si festeggia tutta la notte con fuochi d’artificio e coppe di cava, approfittando che il 24, giorno di San Juan, è festivo e si può dormire fino a tardi! Insomma, considerando il modo in cui si festeggia oggi, potrei dire che questa festa è un po’ una versione estiva del capodanno.

In realtà, sono molti gli elementi simbolici nascosti dietro questa notte di movida loca e, siccome io sono curiosa più dei gatti, mi sono sempre lasciata affascinare dai significati delle cose (leggi il post di curiosità e leggende su Barcellona) e la simbologia legata alla notte di San Juan non ha fatto eccezione, anzi! Ci ho perfino scritto sù la tesi di laurea sperimentale ai tempi dell’università, quando ancora vivevo in Italia!

Questo in realtà è stato un bene e un male perché, ovviamente, quando mi sono trasferita qui a Barcellona, dopo aver raccolto così tante informazioni sul significato di questa magica notte, ero curiosissima di vedere come fosse realmente vissuta, quindi mi ero creata forse aspettative troppo alte. Non che non sia una bella festa, ma è diversa da come l’avevo immaginata.

Purtroppo della simbologia tradizionale legata a questa festa non ci ho trovato moltissimo, o almeno non ho sentito forte il legame alla tradizione come invece mi sarei aspettata. Molte persone la vivono solo come una delle notti con la movida più intensa dell’anno, che non è un male affatto in sé, ma spesso non sanno nemmeno perché festeggiano… Insomma un po’ ci son rimasta male! Sicuramente però, per chi non ha altre aspettative e ama la vita notturna, trovarsi a Barcellona per la festa di San Juan è l’ideale!

Invece, per i più curiosi, accenno qualcosa sulla simbologia legata a questa festa, approfittando del fatto di aver letto davvero tanto sull’argomento.

In realtà la noche de San Juan è una notte piena di magia, di mistero, in cui simbolicamente il limite tra il nostro mondo terreno e l’aldilà è molto sottile. Una notte in cui tutto può succedere e in cui si credeva si aprissero porte a mondi sconosciuti. Non a caso l‘acqua (uno degli elementi simbolici legati a questa festa) nella letteratura è spesso stata considerata un elemento di passaggio se legata all’immagine di un’imbarcazione diretta ad altri mondi o da essi proveniente.

La notte di San Juan era inoltre la notte ideale per allontanare spiriti cattivi e attrarre quelli buoni o per creare filtri d’amorefertilità. Insomma, una notte davvero fuori dal comune in cui l’elemento magico faceva da padrone!

Il fuoco è tradizionalmente legato a questa festa perché, siccome a partire da questa data le giornate iniziano ad abbreviarsi, si tentava di dare più forza al sole (da questo i falò). Sembra che questa notte l’acqua acquisti addirittura poteri curativi, così come alcune erbe. Ovviamente sono tutte credenze molto antiche ma per me danno un’alone di fascino in più a questa festa, e come tutte le tradizioni, lo considerei un peccato se se ne perdesse il ricordo del tutto.

Il fatto che siano molto antiche lo dimostrano i canti popolari spagnoli del medioevo (quelli dei giullari), di cui si sono tramandati per iscritto solo alcuni pezzi, chiamati “romances”. Se ne leggete alcuni di quelli chiamati “novelescos“, noterete che di solito, ovunque ci sia un accenno alla noche de San Juan, si parla di un personaggio ambiguo e c’è riferimento all’acqua, al fuoco, a una barca o a una nascita misteriosa Per i più curiosi (come la sottoscritta!), incollo qui un tipico Romance novelesco in cui si fa cenno al giorno di San Juan. È uno dei miei preferiti.

 

El infante Arnaldos


  ¡Quién hubiera tal ventura
sobre las aguas del mar
como hubo el infante Arnaldos
la mañana de San Juan!
Andando a buscar la caza             5
para su halcón cebar,
vio venir una galera
que a tierra quiere llegar;
las velas trae de sedas,
la jarcia de oro torzal,             10
áncoras tiene de plata,
tablas de fino coral.
Marinero que la guía,
diciendo viene un cantar,
que la mar ponía en calma,           15
los vientos hace amainar;
los peces que andan al hondo,
arriba los hace andar;
las aves que van volando,
al mástil vienen posar.              20
Allí habló el infante Arnaldos,
bien oiréis lo que dirá:
«Por tu vida, el marinero,
dígasme ora ese cantar.»
Respondióle el marinero,             25
tal respuesta le fue a dar:
«Yo no digo mi canción
sino a quien conmigo va.»

Tornando invece ai festeggiamenti attuali, a Barcellona è tipico mangiare la Coca con i canditi a San Juan. Io non l’ho assaggiata perché non amo la frutta candita, ma oggi la si trova un po’ ovunque in cittàquindi, se siete in zona in questi giorni, ne potrete assaggiare facilmente un pezzo!

cocastjoan
Coca di San Juan – Barcellona

Se il post su San Juan vi ha incuriositi, vi invito a leggere anche quello sulla festa di San Jordi a Barcellona. 🙂