Viaggi

#Praga: i miei 7 motivi per tornarci e un po’ di info utili

Postato il Aggiornato il

21034641_10155036764232523_4420195711482951725_n_bis

Nel mio ultimo post su Praga e il Ponte Carlo, avevo promesso di tornare a scrivere di questa meravigliosa città, di dare qualche info pratica e spiegare perché vorrei tornare a visitarla. Siccome per me promessa è debito, eccomi a scrivere nuovamente della stupenda capitale della Repubblica Ceca.

Non amo fare elenchi, però – in casi come questo – sono decisamente adatti. Quindi, comincio il mio nuovo post su Praga elencandovi le ragioni per cui desidero tornarci.

1 – La prima ragione per cui voglio tornare a Praga è per rivederla d’inverno con il freddo e, se sono fortunata, con la neve. Il fatto di averla visitata in estate non mi dispiace, perché mi sono goduta un suo volto limpido, accompagnato dal cielo azzurro e da una temperatura che, a parte picchi di caldo – soprattutto nella giornata in cui abbiamo visitato Nove Mesto – ci ha permesso di girare un po’ ovunque senza battere i denti. Però Praga l’ho sempre immaginata con la neve e, quella sua atmosfera romantica, credo possa apparire ancora più speciale d’inverno. Ho voglia di girare per le sue strade e tornare sul Ponte Carlo, con sciarpa e cappotto… non so spiegare perché. Potrebbe sembrare follia ma, nel momento stesso in cui ho messo piede in città, ho sentito che dovevo tornarci in inverno. Magari me ne pentirò, ripensando con malinconia alle temperature estive, però sento che avrei conosciuto Praga solo a metà senza rivederla in pieno inverno.

21077791_10155036753532523_5847556049079678290_n

2 – La seconda ragione per cui desidero tornare a Praga è che grazie anche al “Tour italiano Praga”, ragazzi italiani che vivono lì e che organizzano dei Tour stupendi per la città, ho cominciato ad appassionarmi moltissimo anche alla storia di questa capitale, di cui conoscevo davvero poco prima. Quindi, da quando sono tornata, presa un po’ anche dalla malinconia di questa città che mi ha rapito il cuore, ho messo in lista tra i libri da leggere alcuni ambientati nella capitale ceca, così quando ci tornerò ne saprò di più e potrò apprezzarne ancor di più l’atmosfera e le sfumature.

Se conoscete qualche libro che parli di Praga o che vi sia ambientato, una segnalazione su un bel libro è sempre gradita!

A proposito: consiglio vivamente i tour con i ragazzi del Tour Italiano Praga: sono preparatissimi e sanno coinvolgere moltissimo mentre ti portano alla scoperta di una città che ha davvero tanto da raccontare. Li trovate nella piazza principale di Stare Mesto, con l’ombrellino tutto tricolore. Avvicinatevi anche solo per chiedere info, sono gentilissimi! Questa è la loro pagina FB: https://www.facebook.com/TourItalianoPraga/. Io ho fatto il tour di Stare Mesto, quello di Nove Mesto, quello di Mala Strana e del Castello e quello del quartiere ebraico con le sinagoghe… e ne sono valsi tutti estremamente la pena! Mi spiace solo di non essere riuscita a fare quelli che organizzavano fuori città per mancanza di tempo… ma questo è un altro motivo per tornarci!

3 –  Un’altra delle ragioni per cui devo assolutamente tornare a Praga, sono senza ombra di dubbio i Trdlo! Dei dolci buonissimi che vendono in vari punti del centro città e che non avevo mai assaggiato da nessun’altra parte… sono davvero deliziosi! Ne ho assaggiato anche una versione con il gelato quest’estate. Se solo ci penso… addio sana alimentazione!!! Successivamente li ho visti anche a Budapest nella zona dell’Hard Rock café, ma avevano un nome totalmente diverso, che sinceramente ho dimenticato.

In ogni caso, sono inconfondibili perché sono cotti su delle griglie, tipo pollo allo spiedo. Vi consiglio di assaggiarli. Io, almeno una volta nella vita, devo mangiarne un altro! Quindi, non posso non tornarci! Ve li mostro in foto, così non potete sbagliarvi.

Questa è la versione con il gelato!

21106832_10155036762252523_1671308626176403243_n_bis

E questo è il modo in cui li preparano:

21150030_10155036763332523_9163301356593163369_n_bis
Trdlo a Praga

4 – Mi sono innamorata dell’Art Noveau Liberty dei palazzi di Praga.  La costante dei miei pochi giorni nella capitale Ceca, è stata che non riuscivo a guardare avanti a me mentre camminavo, (rischiando di sbattere rovinosamente da qualche parte!) perché passavo la maggior parte del tempo con lo sguardo rivolto verso l’alto ad osservare gli stupendi palazzi che si susseguivano per tutto il centro storico di Praga. Era impossibile non lasciarsi conquistare… sono di colori differenti l’uno dall’altro, diversi a volte anche nella forma, eppure creano una scia di totale armonia che mi ha lasciata a bocca aperta.

Anche solo per un giro in centro tra i suoi palazzi Liberty, Praga vale una seconda visita, senza il minimo dubbio!

Questo slideshow richiede JavaScript.

5 – Non ho lasciato un segno del mio passaggio sul Muro di John Lennon.
Questa è un’altra ragione per cui devo tornare a Praga. Quando mi sono trovata davanti al muro, avrei voluto lasciare un segno, un cenno, una frasetta, o una semplice firma, ma non mi ero attrezzata di pennarello… quindi tocca che ci ritorni!!! 😀

Info pratiche: Potete trovare il muro attraversando il Ponte Carlo. Venendo dal centro e andando in direzione Mala Strana, poco prima che il ponte sia terminato, sulla sinistra, trovate delle scale che scendono su una strada. Una volta giù, prendete la prima traversa sulla destra e passerete davanti al Pub di Jonh Lennon: poco più avanti troverete anche il muro.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Proprio di fronte al Pub di cui vi ho parlato, si trova un ristorantino troppo carino dove abbiamo mangiato benissimo e dove sono stati gentilissimi. Ve lo consiglio vivamente, soprattutto se cercate un posto romantico. È proprio accanto alla ruota di un mulino con un folletto… non potete sbagliarvi! Il nome dovrebbe essere questo: Velkoprevorsky Mlyn. Ma per sicurezza vi lascio qualche foto. È sicuramente un posto che attira turisti, ma io ci ho mangiato molto bene e in un’atmosfera davvero suggestiva!

Questo slideshow richiede JavaScript.

6 – Nel tour delle Sinagoghe, per mancanza di tempo, mi sono saltata quella “vecchia”, la più antica. Il giro del quartiere ebraico lo abbiamo fatto l’ultimo giorno prima di partire per Vienna. Ci siamo soffermati molto nella Sinagoga accanto al Cimitero di Praga e nel cimitero stesso, che sono stati davvero una visita forte dal punto di vista emozionale. In quella Sinagoga le pareti bianche sono tappezzate di tutti i nomi degli ebrei cechi e moravi morti, rimasti vittime della persecuzione nazista. Sono stati scritti a mano 80.000 nomi.

Ho avuto l’istinto di mettere una mano su una parete ed ho provato una sensazione intensa. Sentivo il desiderio di stabilire un contatto, come a poter donare una carezza per lenire la sofferenza che quei nomi mi trasmettevano. Ma certe emozioni sono difficili da spiegare…

Nella Sinagoga Pinkas sono conservati anche tantissimi disegni dei bambini che erano stati rinchiusi in un campo di concentramento: vederli è indubbiamente un’esperienza che non lascia indifferenti.
In ogni caso, tra questa sinagoga e il Cimitero ebraico, trascorremmo un bel po’ di tempo. Dedicammo il resto del tempo a girare le altre sinagoghe che erano comprese nel biglietto, senza accorgerci – fino all’ultimo momento – che nel ticket non era compresa la Sinagoga più antica (quella legata alla leggenda del Golem). Il tempo ormai stringeva, quindi… è saltata! Devo tornare a Praga per vederla. In compenso, abbiamo visitato la Sinagoga spagnola che è davvero molto bella.

Prima di mostrarvi qualche foto delle sinagoghe, un consiglio pratico: se fate il biglietto nelle singole sinagoghe si può pagare solo in contanti. Se invece volete pagare con bancomat, chiedete di indicarvi l’ufficio che fa anche i biglietti cumulativi (si trova nei vicoletti del quartiere ebraico). Ci risparmierete anche qualcosina!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

7 – Ho lasciato per ultimo il Ponte Carlo, perché ho parlato diffusamente nell’altro post (#Praga – Il Ponte Carlo al tramonto e i suoi musicisti: poesia pura) di quanto me ne sia innamorata. Ovviamente rientra a pieno titolo nelle mie personali motivazioni per tornare a Praga, prima o poi!

21077772_10155036669807523_8573757032447910337_n_bis

Ci sarebbero tante altre cose da dire su Praga, sul perché l’ho adorata e perché vale una visita o una seconda e una terza, ma per ora mi son dilungata anche troppo… alla prossima! 🙂

#Ungheria – Il Parlamento di Budapest: stupendo di giorno e di notte! Info e curiosità.

Postato il Aggiornato il

20170804_152635.jpg
Parlamento di Budapest

Sono tornata da poco da un viaggetto che mi ha portato a scoprire tre nuove capitali europee e che mi hanno affascinato ben oltre ogni aspettativa. Dalla foto probabilmente intuirete che una di queste 3 città è la splendida capitale dell’Ungheria: Budapest.

Comincio col raccontarvi qualcosa sul suo Parlamento perché, dopo alcuni giorni che cerco di metabolizzare tutto ciò che ho visto e vissuto, non riesco a trovare da dove cominciare… come si fa a concentrare il racconto di tante bellezze e meraviglie in un solo post? Secondo me non gli si renderebbe abbastanza giustizia, quindi direi che di post ne scriverò vari, cercando di raccontarvi passo passo emozioni, curiosità e qualche utile informazione di questo viaggio in piena estate nell’Europa dell’Est.

Direi che partire da quello che è uno dei più bei palazzi tra quelli che rappresentano la capitale urgherese, possa essere una buona idea, quindi comincio col presentarvi le mie impressioni sul Parlamento di Budapest.

È davvero bello come me lo immaginavo?

Sì, la risposta è decisamente sì. È bellissimo di giorno, in cui si ha la possibilità di ammirarlo in tutti i suoi particolari, è stupendo di notte, quando viene illuminato al punto da sembrare tutto d’oro zecchino, ed è molto bello e interessante anche all’interno.

Ma andiamo per gradi!

Il Parlamento di giorno:

Visitarlo esternamente per noi è stato un po’ un trauma perché ci siamo capitati nella giornata più calda dell’anno e, dato che è davvero grande, girarlo tutto intorno per fotografarlo e guardarlo dalle varie angolazioni non è stata un’impresa semplice! Anche perché la nostra visita era prenotata per il primo pomeriggio, quindi c’era il sole che cadeva a picco (abbiamo sfiorato a Budapest i 44 gradi nella prima settimana di agosto. Vi lascio solo immaginare quanto fosse piacevole camminare sotto il sole con queste temperature!). In ogni caso, la sua bellezza ci ha ripagato di tutto il caldo sofferto per ammirarlo!

Il Parlamento di Budapest è praticamente il secondo parlamento più grande al mondo (ci han detto che è secondo solo a quello di Bucarest per dimensioni) e posso crederci perché è enorme! Io mi sono sentita una formichina quando me lo son trovato davanti!

20170804_152008.jpg

Come noterete dalla foto era davvero tutto soleggiato… trovare un filo d’ombra sembrava un’utopia (in compenso, in tardo pomeriggio, questa stessa zona era totalmente ombreggiata!). Per scattare questa foto a ora di pranzo mi sono rifugiata sotto l’unico angoletto d’ombra che sono riuscita a trovare!

L’entrata al Parlamento è laterale. Rispetto alla foto che vedete (che ritrae la parte posteriore del palazzo) l’entrata si trova sulla destra. Ci sono delle scale da scendere e ci si trova dentro. La visita costa circa 7 euro (ovviamente si paga in fiorini ungheresi).

Alle 14.15 abbiamo trovato la possibilità di visitarlo con la guida in italiano e a noi è sembrata una scelta ottima, perché siamo stati accompagnati nelle varie stanze da una ragazza che ce le ha spiegate passo passo. Non era di madrelingua italiana ma si comprendeva perfettamente la spiegazione (magari parlassi io ungherese come lei parlava italiano!). La visita conviene prenotarla da internet. Il sito ufficiale è questo: https://www.jegymester.hu/ (ovviamente è possibile scegliere la versione del sito in inglese).

Il Parlamento non è visitabile per intero e la visita dura circa 45 minuti. È possibile fare foto all’interno tranne nella Sala della Corona, che sarebbe poi quella che dall’esterno appare come un gran cupolone! Una visita all’interno secondo me vale la pena farla… è bellissimo. Ci è stato detto che con i mattoni utilizzati per costruire il Parlamento, si sarebbe potuta costruire una piccola città. Mi è sembrata un po’ un’esagerazione, ma effettivamente, considerando la grandezza del palazzo, forse ci potrebbe anche stare. Chissà!

Altra curiosità che ci è stata raccontata è che quando han deciso di costruire il Parlamento, hanno indetto una sorta di gara. Quello che vediamo ora è il vincitore del primo posto tra i tre “primi classificati”. Il secondo e il terzo sono stati costruiti ugualmente e si trovano nella stessa piazza… con funzioni diverse ovviamente!

Se vi trovate in quella piazza e vi girate, lasciandovi alle spalle il Palazzo del Parlamento di Budapest, vi ritroverete davanti gli altri due palazzi (il secondo e il terzo classificato!). Inutile dire che sono felice abbia vinto questo perché è decisamente molto più bello!

20170804_152227.jpg

Ci è stato spiegato anche che le bandiere che sventolano all’esterno del Parlamento sono quelle dell’Ungheria e quella che rappresenta gli Ungheresi che vivono in Transilvania (un omaggio a loro insomma).

Vi mostro qualche foto dell’interno, giusto per darvi un’idea di com’è. Ovviamente mancano quelle della sala della corona, perché, come accennavo, era proibito scattar foto lì.

20170804_145045 bis.jpg
Interno del Parlamento di Budapest
20170804_145047 bis.jpg
Interno del Parlamento di Budapest

Ci sono 3 o 4 orari per visitare il Parlamento con la guida in italiano, però ovviamente sono soggetti a disponibilità, quindi prima si prenota più scelta si ha sull’orario. Quando abbiamo prenotato noi era rimasta la disponibilità solo per ora di pranzo.

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.


Altro dettaglio utile: il biglietto va stampato. Non ci si può presentare con la prenotazione su dispositivo elettronico. Mi han detto che a volte son gentili e lo stampano direttamente lì, ma sul biglietto stesso, al momento della prenotazione, viene indicato che è necessario che sia in formato cartaceo, quindi io consiglio di farlo prima! Noi siamo andati a stamparlo in una copisteria nel centro di Budapest e non vi dico l’impresa per capire cosa dicesse quel pc impostato tutto in ungherese!

Il Parlamento di notte:

Per quanto riguarda la versione del Parlamento by night i modi migliori che ho sperimentato per apprezzarlo in tutta la sua bellezza sono 2:

  • Un tour notturno sul Danubio. Noi abbiamo utilizzato la compagnia legenda e ci siamo trovati benissimo, perché nel tour di circa 50 minuti erano compresi una bibita e delle cuffie per ascoltare la spiegazione in italiano di tutto ciò che era possibile vedere dalla barca durante il tour. Davvero una bellissima esperienza che consiglio! Questo è il sito web da cui è possibile prenotare: https://legenda.hu/it.
  • Un giro sul tram 2 che costeggia tutto il Danubio e gira proprio intorno al Parlamento: è possibile vederlo di notte illuminato da vicinissimo!

20664853_10154987077537523_5885405996247676685_n bis.jpg

Costa Brava: weekend di relax a Tossa de Mar, un piccolo paradiso a poca distanza da Barcellona

Postato il Aggiornato il

20160806_133121
Fortificazione medievale di Tossa del Mar – Costa Brava

Quando ero ragazzina ho sempre sentito parlare di Lloret de Mar, come di una meta super ambita. Nessuno però mi aveva mai parlato di Tossa de Mar, una località deliziosa che si trova sempre in Costa Brava (poco dopo Lloret) e che personalmente ho adorato.

L’anno scorso, in occasione del mio compleanno in agosto, decidemmo di regalarci un fine settimana in Costa Brava. Scegliemmo un albergo che ci ispirava e prenotammo una notte lì. L’albergo era carinissimo, fornito di piscina interna ed esterna, di sauna e di ogni comfort. Normalmente viaggiamo low cost ma, per una volta, in occasione del mio compleanno, ci siamo concessi un fine settimana di relax totale. Volevo scoprire qualche località sulla Costa Brava e la scelta ricadde su Tossa del Mar.

Sono felice di aver scelto questo paesino perché ho scoperto un piccolo paradiso.

Ci arrivammo prendendo un autobus dalla stazione dei bus di Arc de Triomf a Barcellona. È lo stesso autobus che porta a Lloret de Mar: Tossa praticamente è la fermata successiva, a circa un quarto d’ora di distanza da Lloret. La maggior parte delle persone scendevano alla prima fermata (in gran parte italiani da quel che ricordo), noi proseguimmo per la fermata successiva.

Tossa a differenza di Lloret è una località un po’ più tranquilla, seppure sia pienissima di localini, negozietti e in agosto affollatissima di turisti ugualmente. Se volete vederla, vi consiglio un periodo precedente o successivo ad agosto, ve la godedreste sicuramente di più. Noi ci capitammo in piena estate ma mi piacerebbe tornarci in un altro periodo, per vederla un po’ meno soffocata di gente (magari giugno o settembre)!

Probabilmente se volessi concedermi un weekendino in totale relax sceglierei lo stesso albergo perché ci trovammo benissimo. L’hotel era questo qui. Vi avverto che era un po’ caro! Fu una follia/regalo compleanno.

Il mare a Tossa è davvero uno spettacolo, ma il mio desiderio era vedere Cala Giverola, la spiaggetta che avevo visto in foto prima mi partire, quindi mi informai all’ufficio del turismo. Mi spiegarono che la spiaggetta era raggiungibile con una barchetta che partiva dalla spiaggia principale e che il giro prevedeva anche delle brevi fermate in alcune grotte. Decidemmo di fare il biglietto (si compra ad un botteghino direttamente sulla spiaggia) e la barca ci portò a Cala Giverola, dove facemmo il bagno.

Uno spettacolo davvero!

20160806_163528
Barca che porta da Tossa a Cala Giverola  

Unico inconveniente fu la folla. La barca portava continuamente gente alla cala, ed essendo quest’ultima molto piccola, trovammo un angolino per stendere l’asciugamano per miracolo! L’esperienza di fare il bagno in quella spiaggetta dal mare stupendo fu comunque impagabile ma consiglio di cuore – se possibile – di non farla in agosto. È davvero un peccato non godersi quell’angolino di paradiso in un periodo un po’ meno affollato!

Dettaglio pratico: in acqua ci sono i sassi, quindi vi consiglio di munirvi di scarpette per non distruggervi i piedi a entrare in acqua! Anche se, fatti due passi, l’acqua diventa subito molto profonda quindi si tocca solo all’inizio. Il pezzetto di spiaggia che ho fotografato era l’unico angolino in cui era possibile entrare in acqua calpestando sabbia invece che pietruzze piccole.

20160806_162758
Cala Giverola – Raggiunta in barca dalla spiaggia di Tossa de Mar

Sulla spiaggetta c’è un baretto (qui lo chiamano chiringuito) e perfino un ristorante, se ci si vuol trattenere anche a mangiare. Noi abbiamo preferito mangiare qualcosina in centro a Tossa, quindi non saprei dirvi se si mangia bene, ma sappiate che – se avete bisogno di qualcosa da bere o da mangiare – è possibile trovarlo lì.

Altro particolare: nonostante fosse agosto, ricordo l’acqua molto fredda. Ci misi un po’ per decidermi a buttarmi, ma una volta dentro, non volevo più uscire!!! È davvero uno spettacolo lì.

20160806_165415

La sera facemmo un giro nel paesino, pieno di negozietti e ristorantini e poi salimmo sul castello, la bellissima fortificazione medievale che vedete nella prima foto. È piacevolissimo salirci a piedi ma ci sono anche dei piccoli bus che portano fin sopra volendo. In cima c’è un bar dove è possibile sedersi a bere qualcosa. Quando ci siamo stati noi, c’era anche uno spettacolo di flamenco (ma era possibile vederlo solo a pagamento dentro un cortile).

Fu un fine settimana molto grazioso e Tossa è entrata assolutamente nelle mie grazie: è un posto delizioso! Da allora lo consiglio sempre a tutti, è un piccolo paradiso se si desidera un week end di relax e mare limpidissimo in un luogo raggiungibile facilmente da Barcellona.

20160806_133946
Tossa del Mar – Mare limpidissimo

Una domenica pomeriggio a Girona

Postato il Aggiornato il

img_20170528_165445_553.jpg
Cattedrale di Girona

Domenica pomeriggio ho deciso di trascorrere qualche ora a Girona alla scoperta del suo centro storico, di cui avevo sentito sempre parlar bene. Non volevo che il fine settimana terminasse troppo in fretta quindi tempo di pensarlo ed ero già in strada! 😀

In realtà ero convinta che il treno ci mettesse circa 40 minuti da Barcellona, ma – probabilmente – gli orari che avevo consultato frettolosamente prima di uscir di casa erano di qualche treno veloce. Una volta in carrozza infatti, ho scoperto che in realtà il regionale su cui ero salita ci avrebbe impiegato circa un’ora e mezza ad arrivare.

Poco male perché adoro leggere e ho sempre con me un libro, soprattutto in viaggio, quindi il tempo è passato senza alcun problema. Solo che, se avessi calcolato di metterci tanto, sarei scesa prima di casa o avrei optato per andarci un altro giorno con più tempo. Ma in fondo va bene così, vorrà dire che tornerò per vedere quello che non ho visto, possibilmente in una giornata meno calda, perché domenica era decisamente una giornata da mare. 😀

Altro piccolo inconveniente è stato che l’ufficio del turismo di Girona la domenica chiude alle 14. Essendoci arrivata alle 14.30 l’ho trovato chiuso. Fortunella!!! 😀
Contavo di recuperare lì almeno una cartina… invece, beffata dalla sorte! Ho cominciato a gironzolare seguendo l’istinto e le indicazioni. Il centro storico è piccino quindi in fondo è anche un piacere passeggiare senza meta per i suoi vicoletti.

IMG_20170528_171728_015
Centro storico di Girona

Seguivo le indicazioni per la Cattedrale quando ho notato il primo negozietto di souvenir. Siccome in ogni posto che visito devo puntualmente comprarmi una cartolina, sono entrata per sceglierne una (quella della cartolina è una mia tradizione da anni). Parlando col negoziante gli ho raccontato dell’ufficio del turismo chiuso e lui è stato così gentile da spiegarmi tutto quello che potevo vedere in città e anche di più! Non mi sarei meravigliata se avesse lasciato il negozio e mi avesse accompagnato a fare un tour personalmente… gentilissimo davvero! Mi ha perfino regalato una cartina che aveva lì e che aveva usato per darmi delle indicazioni… che dire, un vero signore. Che belle le persone così. 🙂

Tra le varie cose, mi ha raccontato della lleona, una leonessa arrampicata su una colonna a cui devi baciare il sedere se vuoi tornare a Girona.

“Sólo podrás volver a Girona si has dado un beso al culo de la leona”

Girando un po’ l’ho trovata, attorniata da turisti che facevano la fila per omaggiarla, al punto che non è stato semplice nemmeno fotografarla. 😀 C’è una scaletta accanto alla colonna per permettere a tutti di arrivarci se vogliono.

20170528_160129.jpg

Uscita dal negozietto di souvenir mi sono rimessa in cammino per andare a vedere la Cattedrale, famosa per avere la navata più larga del mondo dopo quella di San Pietro a Roma. Effettivamente la chiesa, nonostante sia comunque abbastanza alta, è sviluppata molto in larghezza.

Io, senza volere, ci sono arrivata dalla parte posteriore. La cosa non mi è dispiaciuta perché mi ha permesso di vedere una prospettiva diversa da una scalinata laterale che mi sarei persa se ci fossi arrivata dall’entrata principale.

20170528_150212
Salendo verso la Cattedrale – Girona

Ho cominciato a scorgere la Cattedrale poco per volta, salendo le scale.

20170528_150329.jpg
Cattedrale di Girona 

Ci ho girato un po’ intorno prima di ritrovarmi davanti alla facciata principale (in cima ad un’altra scalinata). Scendendo queste scale è possibile vederla così come appare nella prima foto dell’articolo. La visita all’interno costa 7 euro e comprende l’audioguida, il giro della Cattedrale, quello del Chiostro e della zona del tesoro.

Purtroppo le foto all’interno della chiesa non sono venute granché perché non c’era abbastanza luce, ma vi mostro il chiostro. 🙂

20170528_153306
Chiostro della Cattedrale di Girona

Uscita dalla Cattedrale mi sono divertita a gironzolare e scattare un po’ di foto in giro. Questa rosa dei venti l’ho trovata bellissima. Tra l’altro funzionava davvero.

20170528_154750
Rosa dei Venti – Girona

La meta successiva è stata la Basílica de Sant Feliu. Non è stato semplice fotografarla a causa della sua posizione perché, per quanto abbia una piazza davanti, è un po’ spostata. Son riuscita a fotografarla solo lateralmente e dal basso! 😀

20170528_160046

Purtroppo, come noterete dalla foto, quando ci sono arrivata era chiusa quindi non so come sia dentro, ma da fuori fa il suo bell’effetto. Tra l’altro è proprio in questa piazzetta davanti alla chiesta che ho trovato la famosa Lleona di cui vi parlavo prima.

Il tempo è passato molto rapidamente e, per non tornare a Barcellona troppo tardi, dopo la Basilica ho deciso di tornare indietro e incamminarmi verso la stazione dei treni, che si trova a circa 10 minuti a piedi dal centro storico (perfettamente raggiungibile).

C’era altro da vedere a Girona, ma la mia è stata una passeggiata pomeridiana improvvisata in un’assolata domenica di inizio estate, quindi non potevo vedere molto altro. Un assaggio che però mi ha fatto venir voglia di tornarci a scoprirla un po’ di più, magari con più tempo e un po’ meno calore! 😀

20170528_162053

Per rendere eterno un istante unico ed irripetibile… basta una fotografia!

Postato il Aggiornato il

74927_10151214784887523_991489428_n.jpg
Valle dei laghi – Trento

La foto che ho scelto per quest’articolo, l’ho scattata nella Valle dei Laghi, in Trentino, quando ancora vivevo in Italia. Eravamo andati a vedere i Mercatini di Natale a Trento e, prima di tornare a casa, abbiam deciso di fare una tappa lì… ne son venuti fuori scatti deliziosi. Purtroppo non sono esperta in fotografia come vorrei, ma mi son divertita un sacco lo stesso e quello che ho provato nello scattar le foto, lo ricordo ancora.

Mi piace cominciare i miei articoli con una foto. Mi sembra di rivivere le sensazioni del momento in cui l’ho scattata. Osservandola, un ricordo torna nuovamente vivo anche se lontano, come per magia. E non parlo solo del ricordo in sé della cosa che ho deciso di immortalare, ma della sensazione provata nel momento dello scatto ed in quelli immediatamente precedenti e successivi. I ricordi inevitabilmente sbiadiscono col tempo e io non sono famosa per avere una buona memoria, quindi… fotografo, sperando di portare con me nel tempo il più possibile di ciò che vedo e che mi emoziona.

Col passare del tempo, si dimenticano particolari che apparentemente possono sembrare insignificanti ma che, insieme ad altri, hanno contribuito a rendere speciale un istante… ed io non voglio dimenticare niente delle cose belle che mi girano intorno ogni giorno o che vedo durante i miei viaggi! Da questo deriva la mia frenesia di fotografare tutto ciò che mi colpisce!

A volte devo sembrare una matta alla gente intorno perché, soprattutto quando passeggio da sola, mi capita di fermarmi di scatto solo perché improvvisamente ho visto qualcosa che mi ha colpito… una cosa che magari ho visto altre mille volte, ma che da quella determinata prospettiva è “diversa” e deve essere immortalata così com’è in quell’istante e in quel punto esatto! E se per qualche ragione non posso farlo… resto a rimurginarci per un po’, pensando a che potenziale stupenda foto mi sono lasciata scappare!

Qualche volta mi capita anche quando sono in compagnia di fermarmi per scattar una foto, come una folle proveniente da un altro pianeta che non ha mai visto il mondo! Mi fermo senza preavviso e, anche se gli altri continuano a camminare, non proseguo, finché non sono riuscita ad avere il “mio scatto”. Di solito si accorgono della mia “scomparsa” dopo un po’, trovandomi ferma magari a fotografare il profilo di un albero controluce, un angolo di cielo al tramonto, o… qualunque cosa mi abbia colpito in quel momento.

Spesso una foto la scatto prima con gli occhi, come se la vedessi già immortalata in uno scatto. Subito dopo, sento la necessità incontrollabile di fissarla davvero in un click per poterla rivivere più e più volte!

Mi piace rubare momenti, catturare scenari, istanti che non saranno mai più uguali. Una stessa immagine non si ripeterà mai esattamente com’è nell’istante del “click”… vuoi perché le nuvole si sono spostate, vuoi perché il vento ha soffiato sulle foglie di un albero modificandone la posizione, o perché i riflessi del sole sono cambiati o per mille altre ragioni.

Ogni istante è unico ed irripetibile e fotografarlo è il mio modo per renderlo eterno.

Rita

Barcelona e le sue tradizioni: 23 aprile – Diada de Sant Jordi

Postato il Aggiornato il

20170423_154229.jpg
Bancarella di rose rosse con draghetto sulla Rambla

Potrei continuare a raccontarvi di altre esperienze di viaggio ma – come ho già accennato qualche volta – questo blog segue il flusso dei miei pensieri e va a ritmo con la mia vita, quindi, dato che qui in Catalunya oggi è un giorno speciale, la cosa che mi viene più naturale è quella di raccontarvi qualcosa sulla festa di Sant Jordi.

Per aiutarvi a comprendere quanto questa festa sia sentita qui, vi dico solo che oggi a Barcelona c’è una tale affluenza di gente per le strade, che perfino trovare un angolino per allacciarsi le scarpe senza essere calpestati dalla folla può risultare un’impresa non da poco! E, se non mi credete… vi sfido a provarci! 😀

Ma andiamo per ordine: che cosa succede a Sant Jordi? Perché è tanto speciale?

In primis Sant Jordi è il patrono di Catalunya, e questa sarebbe già una ragione fin troppo valida qui per festeggiare. Ma il motivo dei festeggiamenti non si riduce a questo. Per rispondere con poche parole, potrei dire che è una sorta di San Valentino spagnolo ma nemmeno questo renderebbe giustizia a questa festa. Sinceramente sentirei perfino di fare un torto ai catalani e alla loro tradizione nel paragonare le due feste tra loro. Hanno indubbiamente qualcosa in comune ma, a mio parere, Sant Jordi è una festa molto più carina e originale di San Valentino.

Tradizione vuole che, il giorno di Sant Jordi, l’uomo regali alla sua donna una rosa rossa e lei ricambi regalando a lui un libro. È per questo che la città il 23 aprile si trasforma in un’immensa libreria a cielo aperto (in modo particolare Piazza Catalunya e tutta la Rambla, ma non solo). Ci sono gli stand delle grandi librerie dove autori di libri famosi firmano copie ma anche tantissime bancarelle di librerie più piccole o di venditori improvvisati che preparano un banchetto con alcuni volumi (anche usati in alcuni casi) e approfittano della giornata per guadagnarsi qualche soldo extra.

Accanto alle bancarelle di libri spuntano quelle piene di rose rosse, ma mi è capitato perfino di vederne qualcuna che fosse un mix di entrambe. Quella che si respira è un’atmosfera che fonde tradizione e romanticismo e che da alla città un aspetto particolarmente frizzante e allegro. È quasi impossibile incontrare qualcuno in giro che non abbia con sé un libro o una rosa (io son tornata a casa con entrambi!).

Quello che la rende però ancora più speciale secondo me è che lo scambio dei doni, col passare del tempo, ha assunto una connotazione più ampia, e ora non si regalano libri o rose solo a fidanzati o compagni ma anche ad amici, familiari e persino a colleghi… è una giornata che celebra l’Amore in ogni sua forma, quindi è diventata un po’ una festa per tutti. In molti oggi mi han salutato con “Buena Diada” e ho sentito un po’ la sensazione di quando qualcuno ti augura Buon Natale,  con la piccola differenza che in questo caso siamo in piena Primavera!

Oltre a libri e rose però, la festa di San Jordi ha un altro grande protagonista, presente in quasi tutte le bancarelle di fiori: il Drago. Ma, cosa c’entra ora il Drago con le rose?

Non so se ve lo state chiedendo anche voi… io, curiosa come sono, me lo sono chiesta e – siccome la curiosità in qualche modo devo placarla – mi sono informata. Il Drago c’entra perché, insieme alla rosa rossa, ricorda la leggenda popolare di San Giorgio

Praticamente la leggenda racconta di un Drago che, nel Medioevo, terrorizzava gli abitanti di Montblanc. Questi poveretti, per placare la sua ira, sorteggiavano di volta in volta una persona per sfamarlo (non perché gli desse da mangiare ma perché gli facesse proprio da cena). Quando la cattiva sorte toccò alla figlia del re, l’arrivo provvidenziale di un cavaliere la salvò. Sant Jordi (era lui ovviamente il cavaliere) uccise il drago. Dal suo sangue apparve una rosa rossa che l’uomo donò alla principessa.

Ecco spiegato il perché dei draghi e delle rose di Sant Jordi.

Ammetto che come festa mi piace molto perché unisce la mia passione per i libri a quella per i Draghi e quella per la primavera in generale, quindi per me un voto di 8 pieno alla festa di Sant Jordi. 🙂

Intanto si attende la prossima festa: la noche de San Juan!

Portogallo – Nazaré e l’Oceano a un palmo di naso!

Postato il Aggiornato il

424320_10151019706242523_2115881257_n
Oceano e spiaggia dei surfisti fotografata dalla scaletta del faro

Avete mai provato quella sensazione di libertà che riempie totalmente i polmoni, che vi fa sentire in pace con l’universo e che vi da l’impressione che il tempo si sia fermato?

Ecco, io credo di averla sperimentata sulla spiaggia di Nazaré, in Portogallo, qualche anno fa. Parlo della spiaggia dei Surfisti, quella a cui si arriva andando verso il faro (quindi non quella al centro del paesino). La gente del posto mi ha raccontato che d’inverno lì le onde raggiungono livelli altissimi e che per questo quella spiaggia ha anche vinto qualche premio. Io ci sono stata in pieno agosto e non posso confermarlo, ma posso assicurare che anche in estate il colpo d’occhio che si prova su quella spiaggia deserta è straordinario!

Ogni volta che ci ripenso mi rivedo lì, sola, davanti alla potenza dell’oceano sconfinato e mi sento davvero in pace col mondo… è una sensazione inspiegabile. A volte penso che una tale emozione sia dovuta al fatto che io adoro il mare e che quello fu il mio primo contatto vero con l’Oceano, ma poi mi rispondo da sola che non è così, non può essere questa l’unica ragione. Ne ho visti altri di posti in cui l’Oceano si mostrava davanti a me nella sua maestosità, e non nego di essermi ogni volta emozionata, ma MAI ho sperimentato la stessa sensazione che mi ha trasmesso quella spiaggia lì e che mi trasmette tutte le volte che ci ripenso o che sfoglio le fotografie di quel viaggio. Non posso credere che la ragione si riduca tutta alla mia prima volta con l’Oceano, anche se credo che l’elemento sorpresa abbia avuto il suo peso indubbiamente. Personalmente credo che quella spiaggia sia magica (di certo lo sarà sempre per me). Lì la potenza dell’oceano esplode in tutta la sua bellezza come se non avesse limiti o confini, non distingui più dove finisci tu e dove comincia lui… è un incontro d’anime che non può lasciare indifferenti!

Se ripenso a Nazaré comunque, mi rendo conto che non è solo quella spiaggia che la rende deliziosa. A renderla speciale è l’insieme dei suoi colori, la cortesia e la semplicità delle persone che la animano, l’atmosfera che si respira appena ci si mette piede, e tante piccole cose a cui le parole non potrebbero mai render giustizia… Nazaré è questo e altre meraviglie che conservo nel cuore e nel mio personale album dei ricordi, che di tanto in tanto sfoglio e che mi piace condividere.

311524_10151019689417523_358270848_n
Nazaré – Centro

Nazaré è stata stata una delle meravigliose tappe del tour on the road del Portogallo che ho realizzato qualche estate fa e che ogni tanto mi piace rivivere.

Uso il termine realizzato non a caso, perché quel viaggio è stato proprio la realizzazione di un sogno che coltivavo da tempo e che mi ha dato la possibilità di conoscere un Paese che ha tanto – ma davvero tanto – da raccontare, da mostrare, da conoscere. E, se ripenso a tutte le difficoltà affrontate per realizzarlo, quasi non ci credo di esserci riuscita.

Ancora una dimostrazione che Se puoi sognarlo, puoi farlo.

nazaré

Ma vi parlerò con più dettagli e poco per volta di questo Paese che mi ha conquistata, sempre seguendo il flusso libero dei miei pensieri. Mi piace che i ricordi e i racconti seguano l’istinto perché questo li rende veri e autentici, come le sensazioni che ogni luogo visitato mi trasmette. E il Portogallo è un mondo da scoprire passo passo… solo così si può sperare di rendergli giustizia come merita! 🙂

304736_10151019708682523_309079399_n
Spiaggia dei surfisti – Nazaré