seo

Blogger Recognition Award

Postato il Aggiornato il

 

blogger-recognition-award.png

Ancora una volta, a distanza di poco tempo dall’ultima volta, mi ritrovo a scrivere un post di ringraziamento. Questa volta però, il mio grazie va in particolar modo ad Ale di 50 sfumature di viaggio, che mi ha inserito nelle sue nomination per il Blogger Recognition Award… che dire? Ancora una volta grazie di vero cuore.

Sapere che vi piace leggere ciò che scrivo e che magari lo trovate utile, non può che rendermi felice, perché da un senso a tutto… ma non mi dilungo con i ringraziamenti altrimenti mi perdo in chiacchiere e viene fuori un post lunghissimo (se desiderate leggere una mia lista di motivi per ringraziare, vi rimando all’articolo sulla top five di travel365).

Veniamo invece alle regole del Blogger Reconition Awards.

Sono poche e semplici:

  1. Ringraziare chi vi ha nominati sul proprio blog e sulla propria pagina di Facebook;
  2. Scrivere un post per ringraziare;
  3. Raccontare come è nato il vostro blog;
  4. Dare dei consigli ai nuovi blogger;
  5. Nominare quindici blog.

 

Chi sono e come nasce il mio blog

Mi chiamo Rita e sono blogger per passione: passione per la scrittura, passione per i viaggi, passione per la fotografia. Tre cose che, messe insieme, sono gli ingredienti perfetti per la nascita di un blog a mio parere ed è proprio così che è nato il mio.

Viaggiare è per me un bisogno da sempre, seppure non abbia potuto coltivare questa passione da piccola come avrei voluto. Ho cominciato a farlo seriamente quando ho raggiunto quel minimo di indipendenza economica che mi permettesse di staccare di tanto in tanto dalla routine e di andare alla scoperta di questo mondo tanto immenso ed affascinante che ci ospita.

Adoro conoscere ogni luogo, che sia dietro l’angolo o a tanti km di distanza, purché mi regali qualcosa di nuovo, mi arricchisca, stimoli in qualche modo la mia curiosità e la soddisfi. Questa è la ragione per cui amo definirmi “una curiosa del mondo“, perché alla base del mio amore per i viaggi e delle mie mille passioni c’è sempre stata un’inguaribile e insaziabile curiosità, voglia di imparare, di scoprire… e il mondo è una fonte inesauribile di stimoli per me!

Insomma, adoro scrivere (potrei farlo per ore!), adoro la fotografia (anche se non ho ancora una macchina fotografica degna di questo nome),  viaggiare è una delle mie più grandi passioni e credo che la condivisione, se usata nel giusto modo, sia una cosa meravigliosa. Trovo straordinario il poter condividere con altri ciò che ho visto, ho imparato, ho scoperto… crea una rete stupenda, che dovrebbe essere la base di questo mondo che ormai non ha più le barriere e le distanze di un tempo.

Questo blog è nato a Barcellona, la città in cui sono espatriata circa 3 anni fa (qui trovate l’articolo che parla del mio espatrio in terra catalana: Barcellona solo andata).

Ho cominciato a scrivere questo blog al ritorno da uno straordinario tour on the road in Andalusia fatto nella primavera del 2016. È nato sulla scia dell’entusiasmo di tutti i posti straordinari visitati nel sud della Spagna (tra i post più vecchi ne trovate infatti alcuni su Siviglia, Cordoba, Cadiz… ).

Pensandoci, di quel viaggio manca ancora un post su Granada e uno su Malaga ma, siccome ho sempre scritto seguendo l’istinto, non c’è sempre un filo temporale nei miei racconti. Mi lascio guidare dalle sensazioni del momento. Credo che la passione non vada mai ingabbiata in schemi, ma lasciata fluire libera e spontanea, come la scrittura… 🙂

Consigli ai nuovi blogger

Non ho grandi consigli da dare ai nuovi blogger perché non mi sento una guru in questo campo. Ho iniziato a scrivere per il piacere di farlo e continuo a farlo per la stessa ragione, anche se mi appassiona ogni tanto leggere qualcosa sul seo e sul blogging. Perché? Perché – come ho già detto – sono estremamente curiosa e perché mi piace imparare e dare il meglio di me in ciò che faccio, anche se nel mio piccolo.

Credo che alla base di un bel blog ci debba essere tanta spontaneità e sincerità. Quello dei blogger è un mondo talmente vasto che l’unica cosa che ci distingue da mille altri è essere semplicemente quello che siamo. Io parto sempre dall’idea che, se volessi leggere una guida senza un minimo di personalità, non andrei su un blog ma mi cercherei appunto una guida in libreria o in rete e che, se volessi leggere la trama di un libro senza un minimo di considerazioni personali, mi basterebbe cercare la trama nuda e cruda su internet. Il blog deve dare qualcosa in più secondo me. Questa è l’unica cosa che mi sento di consigliare a chi desidera scrivere un blog. Ovviamente questo è solo il mio modestissimo parere, da lettrice prima che da blogger. 🙂

Nominare altri 15 blog:

Questo credo sia il punto più difficile, perché seguo molti bei blog e sceglierne solo 15 non è facile. Ultimamente non riesco a stare al passo con tutti per semplice mancanza di tempo ma, quando posso, vi seguo con enorme piacere!

Ne nomino 15 come da regolamento, ma la lista dovrebbe essere molto più lunga!

  1. lillyslifestyle
  2. L’Orsa Nel Carro
  3. Viaggiatrice da grande
  4. Rivoglio la Barbie
  5. Il lettore curioso
  6. Mille splendidi libri blog
  7. Il pikaciccio
  8. Una veronica vagante
  9. Cuore ruotante
  10. Viaggiatore non per caso
  11. Scelgo un libro per bambini
  12. Non siamo food blogger
  13. Viaggiamo insieme
  14. Il mondo secondo Gipsy
  15. Mariarosariadiario

Avrei altri blog da citare, ma sicuramente ci saranno altre occasioni per farlo. Nel frattempo, ringrazio ancora chi mi ha nominato e tutti coloro che, passando di qui, lasciano sempre un segno o un saluto.

Vi abbraccio tutti.

Rita

#Spagna – 2 giorni a Saragozza da sola, alla scoperta dell’Aljafería e della stupenda Basilica del Pilar.

Postato il Aggiornato il

aljaferia zaragoza - copia

Queste giornate caldissime di inizio estate mi fanno ripensare a due giorni trascorsi da sola a Saragozza 2 anni fa (nella primavera del 2015), in cui il clima era decisamente afoso.

Ero appena tornata da un weekend a Valencia con un’amica ed avevo ancora voglia di gironzolare, quindi – tornata a casa – mi misi a studiare la cartina per capire quale altro posto fosse raggiungibile facilmente con un bus da Barcellona. Lo sguardo cadde immediatamente su Saragozza (Zaragoza come la chiamano qui in Spagna). Provai a guardare i prezzi del biglietto e trovai un’ottima occasione in settimana, grazie alla quale con 10 euro compravo il biglietto di andata e ritorno Barcelona – Zaragoza. Di solito costa di più ma spesso queste compagnie vendono un tot di biglietti in offerta quindi se si ha la fortuna di beccare il giorno in cui ce n’è ancora qualcuno disponibile si viaggia davvero con poco (io presi un bus dell’ALSA).

Ci pensai un po’ (neanche troppo in verità!) e comprai il biglietto nei giorni della settimana in cui ero libera a lavoro. Mal che vada ci avrei perso 10 euro! Un compromesso accettabile per cogliere l’occasione al volo.

In realtà avevo titubato qualche istante perché in settimana ci sarei dovuta andar da sola, ma – in fondo – sono partita per vivere da sola due volte, la prima in Italia e la seconda per l’estero quindi, perché farmi il problema nel prenotare un week end da sola?

Questi furono i pensieri che mi affollarono la mente in quei pochi minuti. Ovviamente comprai ugualmente il biglietto, prenotai una stanzetta in un hotel che potevo disdire fino all’ultimo momento e ricordai a me stessa che avevo tempo per pensarci fino alla fine… intanto le occasioni vanno colte al volo! Ovviamente poi ci andai, perché io sono così… mi faccio prendere da stupide paure a volte, ma poi – se una cosa ho voglia di farla – le paure le combatto sempre. Per fortuna direi! Perché da queste esperienze ne viene sempre qualcosa di bello, anche quando si viaggia da soli… anzi, a volte viaggiare da soli rende il viaggio “diverso”. Non più bello o più brutto del farlo in compagnia ma, come ho detto, diverso! Si viaggia in compagnia di sé stessi e l’esperienza non può che essere differente e interessante. 🙂

Ma torniamo a Saragozza! Comprai la mia bella guida e, il giorno stabilito, andai a prendere il bus che mi avrebbe portato lì in circa 3 ore (più o meno lo stesso tempo che ci avevo messo per arrivare da Barcelona a Valencia). Approfittai del viaggio per studiarmi un po’ la guida e organizzare i miei due giorni di visita alla città.

 

Arrivata alla stazione dei treni di Saragozza (il bus arrivò lì), mi avviai verso il centro a piedi, in modo da passare davanti al castello dell’Aljafería (avevo notato che era di strada). Effettivamente in dieci minuti circa a piedi arrivai al castello.

aljaferia zaragoza - copia
Palazzo dell’Aljafería di Saragozza

Zaino in spalla, ho iniziato a girargli intorno cominciando a scattare delle foto, con l’intenzione poi di avvicinarmi e capire se era possibile entrare e in che orari era visitabile (per valutare se passare prima in albergo o visitarlo subito). Sinceramente non ricordo il motivo, ma quel giorno non era possibile entrare, quindi mi organizzai per tornarci il giorno successivo, decidendo di dedicare la prima giornata a visitare il centro.

Mi rimisi in marcia intenzionata ad andare a posare lo zaino in albergo per girare più leggera. Nell’avvicinarmi al centro passai davanti all’Arena de Toros de Zaragoza. Non entrai ma scattai qualche foto, perché esternamente la trovai molto bella.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Avevo scelto un alberghetto non lontano dalla piazza della Basilca del Pilar e ci misi non più di una mezz’oretta a piedi per arrivarci. Posai lo zaino in hotel e riscesi quasi subito, desiderosa di scoprire la famosa Basilica.

Mi concessi giusto un gelato per pranzo strada facendo (era una giornata afosissima!) e poi mi diressi a destinazione. La piazza era quasi deserta a quell’ora col sole a picco (era più o meno ora di pranzo) e ne approfittai per scattare delle foto senza folla intorno.

11037880_10152952175812523_5844732112818645_n - copia
Basilica del Pilar di Saragozza

La Basilica del Pilar occupa una buona parte della grande piazza ed è davvero enorme, più di quanto le foto possano mostrare. Feci prima un giro della piazza e dopo entrai a visitare la Basilica, che merita decisamente.

11244925_10152952175892523_1298269801685500039_n - copia
Fontana Piazza della Basilica del Pilar a Saragozza

La piazza è molto originale, perché dal lato opposto a quello dove si trova la Basilica del Pilar, c’è una fontana che ha la forma di una lastra di ghiaccio (mi ha fatto pensare al film di animazione dell’Era glaciale, al punto che la mia fervida immaginazione non si sarebbe meravigliata di veder spuntare il simpatico scoiattolo che rincorreva la ghianda!). 😀

11014921_10152952176202523_3607532983428251753_n - copia
Fontana Piazza del Pilar – Saragozza

Non vi dico, con il caldo che faceva, che voglia avevo di tuffarmi dentro a quella fontana!

La prospettiva della piazza, voltandomi verso la Basilica e lasciandomi alle spalle la fontana, faceva un certo effetto. Anche perché la riproduzione dell’idea di ghiaccio spaccato continuava anche sul pavimento. Ammetto che l’immagine mi è piaciuta moltissimo.

Da questa prospettiva, si ha un’idea un po’ più chiara di quanto fosse grande la piazza in lunghezza.

10501798_10152952176302523_8023995475932418042_n
Piazza della Basilica del Pilar di Saragozza

Quella che si vede sulla sinistra nella foto è ovviamente la Basilica del Pilar, quella che invece appare sullo sfondo davanti è la Cattedrale del Salvatore (chiamata anche la Seo). Alle spalle della fontana invece, è possibile vedere un pezzo di muraglia romana e, in fondo, il mercato coperto.

11246593_10152952177272523_4782228697829870232_n - copia
Muraglia Romana a Saragozza

Fondamentalmente il centro non è grandissimo ed è molto concentrato (a parte l’Aljafería che è un po’ dislocata).

Altra cosa degna di nota è la facciata laterale della Cattedrale del Salvatore. Se vi trovate in quella piazza, girate intorno alla Seo, altrimenti vi perdete la parete laterale… io l’ho trovata molto bella.

cattedrale del salvatore - copia
Facciata laterale della Cattedrale del Salvatore (Seo) – Saragozza

Tra l’altro, da dietro la Seo, si arriva ad un ponte dal quale è possibile fare delle belle foto della Basilica con il fiume Ebro davanti.

 

11039246_10152952183847523_4374168063237199636_n - copia
Basilica del Pilar e fiume Ebro – Saragozza

Il secondo giorno, lo dedicai alla visita dell’Aljafería che, insieme alla Basilica del Pilar, è stata la cosa più bella che ho visto a Saragozza. I porticati interni sono davvero bellissimi. Anche perché, due anni fa, non avevo ancora visitato l’Andalusia quindi era il mio primo contatto “ravvicinato” con la straordinaria arte di origine araba.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Terminata la visita all’Aljafería, continuai a girovagare un po’ per la città senza una meta precisa e poi mi avviai verso la stazione, dove mi attendeva il bus che mi avrebbe riportato in serata a Barcellona. Tornai a casa decisamente stanca ma soddisfatta, soprattutto per non essermi fatta fermare all’idea di girare da sola… avrei perso l’occasione di vedere una città davvero graziosa, per una paura senza vero fondamento. Indubbiamente è bellissimo viaggiare in compagnia, ma se non si può, ogni tanto un viaggetto da soli non fa affatto male.